BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOTIZIE MPS/ In Borsa nuovo minimo storico sotto i 50 centesimi. Gutgeld: è una cosa molto circoscritta (news Montepaschi di Siena)

Vediamo le notizie del giorno su Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati su agenzie e quotidiani riguardanti Montepaschi e le altre banche italiane

Infophoto Infophoto

Piazza Affari termina la seduta con un -4,8% e Mps dopo le 17:00 ha subito una nuova sospensione al ribasso con un -23,72% teorico. Il titolo di Montepaschi ha raggiunto in giornata un nuovo minimo storico a 0,498 euro. Il consigliere economico del Governo Yoram Gutgeld, ha detto che l'andamento di Montepaschi "è una situazione limitata che avviene in un momento di mercati in calo. Parliamo di una cosa molto circoscritta". Anche Carige ha subito un pesantissimo calo del 18,5%. La Borsa Italiana resta in rosso e Mps registra una nuova sospensione al ribasso, con un 18,76%. Il titolo ha toccato un nuovo minimo storico in giornata a 0,5325 euro. Antonio Patuelli, Presidente dell'Abi, ha auspicato una decisione positiva sulla bad bank, aggiungendo che è meglio che il negoziato con l'Ue si chiuda al più presto. In un'intervista a Class Cnbc, ha spiegato che sarebbe bene usare "un metodo da conclave, ovvero chiudersi in una stanza e non uscire finché non si è deciso, in qualsiasi senso è meglio di una non decisione". Mentre Piazza Affari viaggia in rosso, continua la giornata nera di Mps, che continua a essere sospesa per eccesso di ribasso. L'ultima interruzione è avvenuta meno di 20 minuti, con un teorico -19,15%. Intanto Federico Ghizzoni, Amministratore delegato di Unicredit, ha smentito qualunque intervento della sua banca nei confronti di Montepaschi e altresì dichiarato di non aver ricevuto nessuna sollecitazione dal Governo in tal senso. Calo a doppia cifra anche per Carige, che perde il 12,3%. Piazza Affari amplia le perdite e Mps, appena riammessa agli scambi, è stata nuovamente sospesa per eccesso di ribasso, con un -10,83% teorico. La discesa di Montepaschi sembra senza freno e a poco sembrano servire le parole dell'amministratore delegato Fabrizio Viola, che ha spiegato in un nota che "Le prime evidenze relative al 2015 confermano che l'attuale andamento del tutto anomalo del titolo B.Mps non ha alcun riscontro nei fondamentali della banca che anche nel corso dell'ultimo trimestre sono migliorati, confermando il trend evidenziato nei primi nove mesi dell'anno". Piazza Affari si muove in rosso e per Mps sembra iniziare un'altra giornata di passione. Il titolo non riesce nemmeno a far prezzo in apertura, con un ribasso teorico del 5,9%. La Consob intanto già ieri aveva deciso che il divieto di vendite allo scoperto sul titolo di Montepaschi venisse esteso fino al termine della seduta di domani, giovedì 21 gennaio 2016. Il divieto non riguarda solo le vendite allo scoperto "nude", ma anche quelle assistite dalla disponibilità di titoli.  Le azioni di Montepaschi si apprestano ad affrontare una giornata in Borsa che dovrà cercare di lasciare alle spalle i primi due giorni della settimana che hanno visto il titolo affondare di oltre il 14%. Tutto questo nonostante il divieto di vendita allo scoperto, segno che evidentemente la speculazione conosce altri modi per guadagnare dal ribasso di un titolo, potendo difficilmente pensare che un risparmiatore voglia liberarsi delle proprie azioni incorrendo in pesanti perdite. Mps ha infatti raggiunto ieri un nuovo minimo storico a 0,6525 euro. E dire che la giornata era iniziata con un rialzo superiore al 4%, “polverizzato” però nel giro di circa mezzora. Il ribasso del titolo è andato poi ampliandosi nel corso delle ore, con continue sospensioni dalle contrattazioni. 

© Riproduzione Riservata.