BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOTIZIE MPS/ In Borsa chiude a -3,33%. Morando: su bad bank sembreremmo vicini a un accordo con l'Ue (News Montepaschi di Siena)

Pubblicazione:lunedì 25 gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento:lunedì 25 gennaio 2016, 17.38

Infophoto Infophoto

MPS NEWS (aggiornamento delle ore 17:35) Chiude in ribasso Piazza Affari (-2,03%) e anche Mps, dopo aver perso anche più del 4%, termina la prima seduta della settimana con un ribasso del 3,33%, sotto i 73 centesimi ad azione. Enrico Morando, viceministro dell'Economia, in un'intervista ad Affaritaliani.it spiega che "sembreremmo finalmente giunti vicino ad un accordo" sulla bad bank. "Speriamo che le prossime ore ci consegnino questa nuova possibilità", ha aggiunto. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 14:20) Piazza Affari resta in rosso e Mps inverte rotta, passando in negativo dell'1% e scendendo sotto i 75 centesimi ad azione. Per quanto riguarda i negoziati tra Italia e Ue, Ricardo Cardoso, portavoce del commissiario alla concorrenza Margrethe Vestager, ha detto che Bruxelles continua ad avere contattati costrutti con le autorità del nostro Paese. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 11:30) Piazza Affari è passata in rosso e Mps sale ora del 3,2%, sotto i 78 centesimi ad azione. Parlando a Radio 24, Roberto Nicastro, Presidente delle nuove Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e CariFerrara, ha spiegato che il decreto del governo ha permesso di mettere in sicurezza un milione di clienti, duecentomila piccole imprese che hanno dei fidi aperti e circa settemila posti di lavoro. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 9:10) Piazza Affari si muove in lieve rialzo e Mps comincia la seduta con una sospensione al rialzo e un teorico +6,67%, per poi tornare agli scambi e salire dell'8,3%, sopra gli 81 centesimi ad azione. In settimana il Consiglio dei ministri dovrebbe dare il via libera alla riforma del credito cooperativo, seconda mossa del Governo Renzi sul sistema bancario dopo il decreto riguardante la riforma delle popolari. Sembra che il provvedimento possa vedere la luce giovedì 28 gennaio. 



© Riproduzione Riservata.