BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PUNTO MERCATI / Piazza Affari maglia nera in Europa: non convincono banche e piani di fusione

Pubblicazione:

Borsa MIlano (InfoPhoto)  Borsa MIlano (InfoPhoto)

Dopo una settimana sulle montagne russe, conclusa però per le Borse europee in netta ripresa dopo il consiglio Bce, i principali indici chiudono la seduta di oggi in netto ribasso, con Milano che segna il peggior calo con un -2,03%. La segue Parigi, che cala dello 0,58% poi Londra con un -0,39% a Francoforte col -0,29%. Anche Wall Street appare poco intonata, a chiusura di un lunedì globale che pure si era aperto con cauti rialzi in Asia (e +0,90% per il NIkkei 225), segue la scia pessimista europea ed apre la giornata in calo. Verso metà seduta il Nasdaq 100 segna -0,41% e il Dj -0,54%. A confermare l'umore non buono degli investitori il nuovo arretramento del petrolio (- 3,64%,) che resta comunque sopra i 30 dollari al barile.

A Piazza Affari giornata molto pesante per le banche, nonostante la fiducia trasmessa giovedì dalla Bce, che ha confermato la possibilità di una politica monetaria espansiva. Del caso-banche in Italia discuteranno domani a Bruxelles il ministro dell'Economia Carlo Padoan e la commissaria Ue alla Concorrenza, Margrethe Vestager: sul tavolo la stretta sulla nascita di una o piu' "bad bank". con parziale garanzia pubblica per lo smaltimento di 200 miliardi di sofferenze a livello di sistema. A Milano fari accesi anche sull'ipotesi di fusione di una prossima fusione fra Mps, Ubi Banca e Bpm. Sulla necessità di aggregazioni bancarie in Italia è tornato oggi lo stesso premier Matteo Renzi, ma l'ipotesi di messa in sicurezza di Mps attravesro due Popolari non sembra aver convinto la Borsa: i tre titoli hanno ceduto rispettivamente il 3,%, il 3,13% e il 6,72%. Deboli anche UniCredit (-6,36%) e Banco Popolare (-6,92%). Cresce invece Saipem (+6,7%9 al primo giorno della ricapitalizzazione di 3,5 miliardi di euro chiude in crescita del 6,71%.

In attesa delle aste di titoli pubblici a lungo e medio termine lo spread italiano segn a un incremento dello 0,99% a 108.66 punti base, valore comunque nettamente inferiore alla quota 127 toccat settimana scorsa.

Il cambio euro/dollaro rimane in surplace a 1.083. Oro ancora in rialzo (+0,94%)



© Riproduzione Riservata.