BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

AUMENTO CAPITALE SAIPEM/ In Borsa titolo a -6,30%. Crollo di azioni e diritto (ultime notizie, 26 gennaio 2016)

Aumento capitale Saipem non riesce a dare gli effetti sperati. Le azioni chiudono con un teorico +18,53% mentre i diritti per sottoscriverlo scivolano del 15%

InfoPhoto InfoPhoto

Purtroppo non arrivano buone notizie per Saipem che, con l’aumento di capitale da 3,5 miliardi di euro non sembra aver convinto gli investitori dopo un esordio, nella giornata di ieri, quanto meno in chiaro scuro. In questo momento le azioni di Saipem, infatti, cedono il 6,30% per un prezzo che si attesta sui 0,5875 euro dopo aver aperto la seduta a 0,6535 euro. Brutte notizie anche in ottica diritto in quanto non riesce a far prezzo perdendo complessivamente il 30%. Gli analisti hanno spiegato la situazione facendo presente come la caduta libera del diritto stia facendo crollare anche le azioni, il tutto frutto di arbitraggi di chi non sottoscrivere l’aumento e quindi sta vendendo i diritti e parte dalle azioni.

Nel secondo giorno dopo l'aumento di capitale, Saipem in Borsa scede dell'1,4%. Ieri il titolo ha fatto fatica a far prezzo con un teorico +18,54% a ben 0,6345 euro per azione. Viceversa i diritti per sottoscrivere l’operazione hanno perso il 15% teorico, scendendo a 3,12 euro. Un trend che tuttavia potrà essere invertito visto che l’aumento di capitale andrà avanti sino al prossimo 11 febbraio sotto il controllo della Consob che ha fatto presente come durante il periodo di offerta in opzioni delle nuove azioni si verifichino anomalie di prezzo consistenti in una sopravvalutazione del prezzo di mercato delle azioni rispetto al loro valore teorico. Non resta che attendere le indicazioni di questa seconda giornata di contrattazioni a Piazza Affari e verificare se anche i diritti possano palesare un andamento positivo.

© Riproduzione Riservata.