BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Le speculazioni su Mps e i "mostri" che fanno paura (anche) agli hedge fund

Infophoto Infophoto

La riunione tempestiva che ha avuto luogo tra il premier, il Ministro Padoan e il Governatore della Banca d'Italia Visco sul tema della bad bank, con ampie anticipazioni sull'accordo raggiunto con Bruxelles, hanno improvvisamente capovolto la questione, consentendo - unitamente alle parole incoraggianti di Mario Draghi - al titolo Mps di raggiungere picchi di rialzo anche del 40% in chiusura della settimana. 

Si tratta di un'operazione studiata a tavolino da parte di speculatori internazionali per far cedere le sofferenze più speditamente, a prezzi più convenienti e rendere più appetibile la banca locale di fronte a eventuali acquirenti? Non saprei rispondere; quel che è certo è che un tema delicato quale quello della bad bank viene affrontato perché imposto da un non meglio identificato "mercato", così come nel 2011 fu lo stesso potere anonimo a innescare la crisi del debito sovrano che portò alla caduta del governo Berlusconi. Forse è stato anche un bene, ma senza la normale vita democratica e quindi molto pericoloso: "Si instaura una nuova tirannia invisibile, a volte virtuale, che impone, in modo unilaterale e implacabile, le sue leggi e le sue regole", ci ricorda Papa Francesco (Evangelii Gaudium, 56). 

Delle parole del Papa, disponiamo - a mio parere - anche di una "testimonianza finanziaria" proprio all'inizio di quest'anno. Come ha notato Federico Fubini su Il Corriere della Sera, secondo Laurence Fink, amministratore delegato di BlackRock, una delle principali società di investimento al mondo "non c'è ancora abbastanza sangue nelle strade". E all'inizio dell'anno Nevsky Capital, un hedge fund londinese, ha scritto ai propri clienti invitandoli a riprendersi i soldi. Nella lettera inviata ha precisato che i computer con i loro algoritmi distorcono sempre di più le dinamiche con acquisti e vendite automatici su scala esponenziale: "Sono farfalle che con i loro battiti d'ali creano regolarmente uragani che tagliano fuori chi cerca di investire sulla base dei dati di fondo". Credo sia la prima volta che un operatore specializzato (e tendenzialmente spregiudicato) teme forse di essere schiacciato dal mostro stesso che ha contribuito a creare.

© Riproduzione Riservata.