BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPILLO/ Le Generali oltre la "parentesi Greco": l'obiettivo è tornare "sistemiche"

La sede delle Generali a Trieste (Infophoto) La sede delle Generali a Trieste (Infophoto)

Se Greco non ha distrutto le Generali, ma le ha fatte sopravvivere durante tre anni particolarmente turbolenti per la finanza internzionale e i mercati globali, di questo è forse giusto che gli azionisti lo ringrazino (anche se le cifre del listino non parlano del tutto a suo favore). Ma non sorprende che, alla fine, non lo abbiano trattenuto e il manager si sia risolto a tornare a Zurich. Il destino delle Generali, abbiamo scritto tre settimane fa, è oggettivamente più importante della carriera del suo Ceo. E anche della carriera di chi verrà dopo Greco: che senza un progetto strategico difficilmente potrà ottenere la sufficienza comunque strappata dall’amministratore delegato napoletano. Sul Sussidiario abbiamo già fatto a tempo a ipotizzare il recupero di una vecchia idea: riorganizzare assieme UniCredit, Mediobanca e Generali. Ma ne attendiamo con curiosità di nuove.

© Riproduzione Riservata.