BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

I NUMERI/ Fortis: le sviste pericolose dei "giornaloni" su banche e debito

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Quello raggiunto è un accordo mirato, nel senso che non si costruiscono fantasiose ipotesi di bad bank di sistema che oggi sarebbero del tutto impraticabili. Sono infatti cambiate le leggi e le norme europee. È passato quindi un accordo che prevede interventi specifici per la cartolarizzazione di crediti deteriorati da parte delle banche, con il presupposto di una garanzia statale molto parca. Si affronta infatti tutta una serie di condizioni sulla qualità dello stesso intervento.

 

Qual è l’importanza dell’accordo raggiunto?

L’importanza dell’accordo sulla bad bank è che in primo luogo si individua uno strumento, e chi vorrà potrà utilizzarlo. Inoltre, il problema dei crediti deteriorati in Italia è totalmente mal posto. I media hanno fornito cifre con una imperizia anche nelle conoscenze degli aspetti contabili che è veramente raccapricciante. È pur vero che ci sono 350 miliardi di crediti deteriorati, ma ce ne sono oltre 400 di coperture reali.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.