BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Notizie Mps/ In Borsa chiude a -7,88%. Eurispes: in ripresa pagamenti a rate

Vediamo le notizie del giorno su Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati su agenzie e quotidiani riguardanti Montepaschi e le altre banche italiane

Infophoto Infophoto

Piazza Affari chiude la giornata con un calo del 3,49% e Mps fa segnare un -7,88%, che porta il titolo sotto i 66 centesimi ad azione. Intanto dal Rapporto Italia 2016 dell'Eurispes emerge una ripresa dei pagamenti a rate. Viene inoltre evidenziato che il 24,9% di coloro che hanno chiesto un prestito in banca negli ultimi tre anni è riuscito a ottenerlo. Nella maggioranza dei casi (42,6%) si è trattato di somme utilizzate per l'acquisto di una casa, ma è consistente anche il numero di coloro che hanno utilizzato le somme per pagare debiti accumulati o saldari prestiti contratti con altre banche o società finanziarie.  Una giornata ancora negativa per le banche europee ed in particolare con Piazza Affari che nelle ultime ore ha fatto segnare una serie di variazioni, costantemente in segno negativo. In questo momento l’indice Mibtel palesa una perdita di circa 1,8 punti percentuali a quota 18505 dopo aver toccato intorno alle 13,00 un minimo di 18198. Le perdite di Piazza Affari sono spiegabili con le pressioni sul comparto bancario italiano ed in particolare con Mps che continua ad essere nell’occhio del ciclone nonostante nelle ultime ore si sia sparsa la notizia di una possibile unione con Ubi Banca. Il titolo in questo momento è sotto di 8 punti percentuali a 0,645 in recupero rispetto al minimo odierno che è stato di 0,635 mentre il massimo di giornata è stato segnato alle ore 9:18 e pari a 0,722.

A circa un'ora dalla fine delle contrattazioni, Piazza Affari è in profondo rosso, nonostante il petrolio abbia fatto un balzo in avanti sulle voci di un taglio dell'offerta globale. A trainare in giù la Borsa sono ancora le banche e Mps è stata ancora sospesa per eccesso di ribasso con un teorico -9%. Intanto Stefano Vittorio Kuhn è stato nominato direttore generale del Banco di Brescia, dove già era condirettore generale, con decorrenza dal prossimo 1° marzo. Kuhn sostituirà Robero Tonizzo, che andrà in pensionePiazza Affari è in forte calo, con le banche che fanno segnare perdite pesanti. Mps, per esempio, cede il 9%, sotto i 65 centesimi ad azione. L'Abi fa intanto però sapere che nel 2015 sono aumentati i mutui erogati per l'acquisto di immobili da parte delle famiglie, con un balzo di ben il 97,1%. L'ammontare complessivo è passato da 25,29 a 49,82 miliardi di euro. Dei mutui erogati, il 31% è costituito da surroghe. In forte crescita i mutui a tasso fisso, mentre quelli a tasso variabile rappresentano il 42,8% delle nuove erogazioni del 2015. Piazza Affari si trova in rosso e Mps scende dello 0,3%, sotto i 71 centesimi ad azione. Secondo quanto scrive Il Messaggero, durante l’incontro al ministro dell’Economia tenutosi ieri, Giuseppe Castagna, amministratore delegato di Bpm, avrebbe fatto capire al ministro Padoan che piazza Meda preferirebbe l’aggregazione con Banco Popolare rispetto a un progetto che la vedrebbe coinvolta con Ubi Banca e Mps. 

© Riproduzione Riservata.