BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

QUOTAZIONE FERRARI IN BORSA/ Le azioni chiudono a +2,11%. Salvini: nazionalizzerei la Fiat

Quotazione Ferrari alla Borsa Italiana. Come andrà la seconda giornata in Piazza Affari dopo la chiusura della prima in rialzo rispetto il prezzo di partenza?

Infophoto Infophoto

Si chiude bene la seconda giornata di Ferrari a Piazza Affari. Le azioni hanno infatti messo a segno un +2,11%, portando il titolo a 44,59 euro. Fca termina invece la seduta con un +2,64%, sopra gli 8,36 euro. A proposito della casa italoamericana, Matteo Salvini ha ricordato che Marchionne non fa gli interessi dell'Italia, dato che "ha trasferito la sede legale e la produzione di gran parte delle Fiat all'estero".

Il leader della Lega Nord, parlando a Radio 24, ha anche spiegato che se lui fosse Premier nazionalizzerebbe la Fiat e qualche banca. Dando invece uno sguardo a Exor, la holding di casa Agnelli sal dello 0,5%, vicino a quota 40,5 euro. 

Le azioni Ferrari a Piazza Affari segnano un +2,5%, sui massimi di giornata a 44,75 euro. Il tutto mentre il Ftse Mib risale dello 0,8%. Fca rallenta la sua corsa, con un +2,1%, nonostante i dati sulle immatricolazioni negli Usa facciano registrare buone performance. In particolare Jeep ha aumentato del 42% il suo dato nell'arco di un anno. 

La Borsa Italiana perde slancio a metà mattina, segnando un rialzo inferiore allo 0,3%. Tuttavia le azioni Ferrari salgono del 2%, superando i 44,5 euro ad azione. Fca sale del 3,3%, superando gli 8,4 euro, mentre Exor, la holding che controlla entrambe le società, limita i guadagni all'1,2%, avvicinandosi ai 40,8 euro. Secondo Repubblica, il futuro di Fca sarà nelle mani di John Elkann e non più di Sergio Marchionne. Per il quotidiano romano, quindi, sarà il rampollo di casa Agnelli a prendere le decisioni strategiche dei prossimi anni. Tra queste la ricerca di un partner industriale.

Le azioni di Ferrari cominciano la seconda giornata in Borsa con un rialzo dello 0,5%, con il titolo a quota 43,9 euro, dopo aver superato la soglia dei 44 euro nei primi scambi. L'approdo del cavallino rampante a Piazza Affari è stato salutato positivamente anche dai sindacati, quanto meno dalla Fim-Cisl, il cui Segretario generale, Marco Bentivogli, ha detto che la quotazione rappresenta un'opportunità finanziaria di rafforzamento sia per Ferrari che per Fca. "Nello stesso tempo si costruiscono i presupposti per un ulteriore rilancio industriale delle due società nel nostro Paese, ha aggiunto il sindacalista. Fca, invece, sale del 2,1%, superando gli 8,3 euro ad azione.

Le azioni di Ferrari affrontano oggi la seconda giornata di quotazione a Piazza Affari, che si spera possa essere migliore di quella di ieri, considerato che il Ftse Mib ha messo a segno un ribasso del 3,2%. Di per sé, il titolo del cavallino rampante è riuscito a chiudere con un rialzo rispetto al prezzo di apertura e questo non è male. Vien da chiedersi quindi come potrebbe andare in una giornata positiva per i mercati o quanto meno non così negativa come quella di ieri. Di sicuro c’è poi interesse su Fca. Nel suo primo giorno senza più Ferrari, le azioni hanno perso quasi il 37%. Ma è chiaro che non si può considerare questo il loro prezzo normale. Va poi detto che proprio ieri, a mercato chiuso, sono usciti dei buoni dati sulle immatricolazioni del mese di dicembre, che vedono crescere il gruppo italoamericano sopra il 29,5%.

Il primo giorno delle azioni Ferrari alla Borsa Italiana si chiude tuttosommato in positivo. La quotazione stamattina era infatti iniziata a 43 euro e, dopo una sospesione al ribasso, al termine della seduta il prezzo del titolo ha fatto segnare 43,67 euro (vicino al massimo intraday di 43,68 euro). A Wall Street, dopo il Cavallino rampante è già di casa da oltre due mesi, il titolo fatica a tenersi sulla linea dei 47 dollari. Raffaele Jerusalmi, amministratore delegato di Borsa italiana, ha detto che "la scelta di Ferrari di quotarsi anche a Milano conferma il ruolo centrale di Borsa Italiana, sempre piu riconosciuta a livello internazionale come piazza di riferimento per la valorizzazione di titoli espressione del lusso e dell'italianità". 

Resta in rosso Piazza Affari e le azioni di Ferrari, dopo aver toccato un nuovo massimo a 43,68 euro, viaggiano ora intorno a quota 43,3. Stamattina Sergio Marchionne, tra le altre cose, ha detto che nel Consiglio di amministrazione si è discusso della possibilità di fusioni o acquisizioni per la casa di Maranello. Tuttavia ha poi prevalso la cautela, "perché il marchio Ferrari è così unico che sarebbe pericoloso inquinarlo con altre acquisizioni". Una strada che resta invece senz'altro aperta per Fca, il cui titolo viaggia ora a quota 8,4 euro. 

Piazza Affari continua a marciare in territorio negativo (-2,3%), ma Ferrari, dopo essere stata sospesa per eccesso di ribasso, torna sopra i 43 euro (il prezzo con cui è iniziata oggi la quotazione a Milano), più precisamente a 43,15 euro, dopo aver toccato il massimo intraday a 43,5 euro. Sergio Marchionne, presente a palazzo Mezzanotte per l’occasione, ha detto che “ci vorrà del tempo per capire l’andamento dei titoli”, con riferimento anche a Fca, che, sotto gli 8,5 euro, perde più del 34% rispetto alla chiusura di mercoledì scorso. Marchionne ha anche detto che Ferrari emetterà un bond entro il primo semestre dell’anno e ha poi escluso una quotazione di Maserati. 

Non è certo un giorno buono per fare il debutto in Borsa, dato che il Ftse Mib inizia il 2016 con un -2,3%. Le azioni Ferrari arrivano comunque a Piazza Affari con un prezzo intorno ai 42 euro dopo aver aperto a quota 43. Intanto l’area intorno a palazzo Mezzanotte è blindata dato che per l’occasione speciale sarà presente anche il Premier Matteo Renzi. La conseguenza più evidente dell’approdo di Ferrari in Borsa è comunque il forte cambio di prezzo di Fca: il titolo il 30 dicembre aveva chiuso a 12,92 euro e oggi scambia a 8,8, con un calo superiore al 31%. Del resto i due marchi e titoli sono ora in tutto e per tutto separati.

Sarà una quotazione in grande stile quella di Ferrari a Piazza Affari. Come avvenne per l’approdo a Wall Street, davanti a palazzo Mezzanotte ci saranno diversi modelli della casa di Maranello. E nonostante si tratti di una quotazione secondaria, che arriva due mesi dopo quella a New York, non mancheranno Sergio Marchionne, John Elkann, Piero Ferrari, Maurizio Arrivabene e Amedeo Felisa. Inoltre, sarà presente anche Matteo Renzi. In settimana ci sarà anche l’assegnazione di un’azione Ferrari ogni dieci possedute per gli azionisti di Fca, a seguito dello spin-off tra i due marchi automobilistici: un’operazione destinata a ridurre il debito di Fiat Chrysler Automobiles. Oggi poi il ministero dei Trasporti diffonderà i dati delle immatricolazioni di dicembre e dell'intero 2015, che porteranno certamente numeri positivi per Fca. Oltre che su Ferrari e Fca, bisognerà tenere gli occhi puntati sul titolo Exor, la holding degli Agnelli, che controlla saldamente entrambe le società.

© Riproduzione Riservata.