BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ Le "bugie" degli Usa e gli "scivoloni" dell'Ue

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Sapete qual è la differenza più grande fra Stati Uniti ed Europa? È solo una: gli statunitensi sanno mentire per i loro interessi, gli europei no. Vi faccio due esempi che si sono sostanziati al riguardo nelle ultime 48 ore, senza che nessuno dei grandi quotidiani o telegiornali abbia avuto nulla da dire al riguardo. Mentre le Borse cercavano di non affogare dopo il tracollo di Shanghai, giovedì il settimanale belga Knack pubblicava un'intervista con Peter Praet, membro del Comitato esecutivo della Bce. E quale era il concetto forte di quell'intervista? Praet ha detto di non vedere un piano B rispetto al programma attuale di stimolo messo in atto dalla Bce. Della serie, autolesionismo a mercati aperti. 

Per carità, è vero ciò che dice, ma non lo si deve dire in forma ufficiale, pubblica e con le Borse che arrancano: serve la dottrina Greenspan, quando le cose si mettono davvero male, il compito di un banchiere centrale è quello di mentire. E invece, il buon Praet ha spiattellato tutto: «Non c'è nessun piano B, c'è un solo piano, questo anche se l'inflazione è ben lontana dall'obiettivo del 2% che si è posta l'Eurotower». E poi, il delirio keynesiano: «Se si stampa abbastanza denaro, si avrà sempre inflazione. Sempre. Ma se i prezzi del petrolio e delle materie prime cadono, è ben più difficile dare una spinta all'inflazione». 

D'altronde, la Bce ha intensificato gli sforzi per sostenere un'economia fiacca durante la riunione dello scorso dicembre, ma i mercati sono rimasti delusi dalle misure annunciate, che comprendevano un ampliamento del programma di acquisto di obbligazioni anche ai cosiddetti muni-bond e il taglio del tasso di deposito, già negativo, per incoraggiare i prestiti, dinamica che invece non si sta sostanziando, come ci mostra l'esperimento estremo della Riksbank svedese. Il presidente della Bce, Mario Draghi, all'epoca aveva commentato la decisione dicendo che il programma mensile di acquisto da 60 miliardi di euro per lo più in titoli di Stato sarebbe stato prorogato di sei mesi, quindi fino a marzo 2017, e potrebbe essere esteso ulteriormente, se necessario. E nell'intervista pubblicata giovedì, Praet ha confermato le parole di Draghi: «Guardando alla situazione economica, credo che l'attuale politica continuerà almeno fino al 2017 e più a lungo, se necessario», ha detto. 

Andando però oltre, troppo oltre in un mondo di bugie e di trading desk pronti a scoprile e punirle. Praet, infatti, ha anche difeso gli sforzi della Bce per rilanciare l'economia dell'area dell'euro. «Se la Banca centrale europea non avesse adottato le misure in atto, ci troveremmo in depressione, sono convinto di questo. L'area euro potrebbe essere caduta e questo sarebbe stato una catastrofe. La Bce, pertanto, ha fatto quello che doveva fare, ma la politica monetaria non può risolvere tutti i problemi». Della serie, il Re è nudo e ve lo certifico io che faccio parte della sua corte. Un capolavoro di autolesionismo. 

Veniamo ora agli Usa, i quali ieri hanno trionfalmente annunciato al mondo di aver creato a dicembre 292mila nuovi posti di lavoro non agricoli, contro le attese di 200mila unità e in salita dal dato - già rivisto al rialzo - di novembre di 252mila. Un successone, non fosse per un particolare: non solo non c'è stato l'aumento minimo dei salari settimanali che ci si attendeva - +0,2% -, ma, anzi, per la prima volta da 14 mesi c'è stato un calo della paga oraria, scesa da 25,25 dollari a 25,24 dollari. 


  PAG. SUCC. >