BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPY FINANZA/ Deutsche Bank, i guai che fanno comodo alla Fed

Deutsche Bank continua a essere in difficoltà. Ma, dice MAURO BOTTARELLI, c'è qualcosa di strano nell'accelerazione della sua crisi, un qualcosa che ha un indirizzo preciso: gli Usa

LaPresse LaPresse

Da un certo punto di vista, dovrei essere soddisfatto. Quando tutti la decantavano come la quinta essenza della solidità bancaria, io mi permettevo di sollevare qualche piccolo dubbio su Deutsche Bank e i suoi conti: come sempre, il tempo è galantuomo. Nel gergo finanziario stiamo vivendo un momento conosciuto come elephant in the room, l'elefante nella stanza, ovvero un qualcosa di così enorme da essere impossibile non vederlo, ma, al tempo stesso, tanto spaventoso da portare tutti a negarne l'esistenza per paura, un po' come il Re nudo che solo il bambino con la sua innocenza ha il coraggio di svergognare. E la situazione è davvero grave. 

Ieri mattina in apertura di contrattazioni a Francoforte, Deutsche Bank cedeva l'8,56%, sfondando al ribasso la soglia psicologica dei 10 euro, portandosi a 9,94 euro dopo aver perso il 7% nelle contrattazioni di giovedì a Wall Street. Da inizio 2016, il colosso di Francoforte ha perso allo Xetra il 58% del suo valore. Ma c'è di peggio, perché giovedì l'agenzia Bloomberg ha reso noto che dieci hedge funds che utilizzavano Deutsche Bank come clearing house per il loro trade su derivati hanno ritirato liquidità e ridotto la loro esposizione verso il gigante tedesco. Tra i fondi che hanno spostato le masse da DB ci sono Millennium Partners di Izzy Englander, che gestisce 34 miliardi di dollari, Rokos Capital Management di Chris Rokos, con asset under managemement per 4 miliardi di dollari, e Capula Investment Management, che gestisce 14 milliardi di dollari. 

DB deve anche affrontare un problema di non poca rilevanza in Cina, dove sta cercando di vendere la sua partecipazione in Huaxia Bank Co. per 3,9 miliardi di dollari. Pareva un'operazione tutto sommato semplice, ma, nel frattempo, ha scritto due giorni Bloomberg, il governo di Pechino, attraverso la voce dello State Administration of Foreign Exchange, ha messo le mani avanti, perché una tale cifra che esce all'improvviso dal Paese potrebbe mettere in difficoltà la stabilità monetaria della Cina. Una delle possibili soluzioni, a quanto risulta all'agenzia americana, è di suddividere il flusso di liquidità in tranches di minor importo. Con la conseguenza che giungerebbero in Europa più tardi rispetto a quanto preventivato da DB. 

Soluzioni? Ieri mattina Die Zeit, solitamente bene informato, scriveva che, stando a fonti riservate, il governo sta già lavorando al salvataggio pubblico della banca. E anche il sito del quotidiano economico Handelsblatt rilanciava l'ipotesi che il governo di Angela Merkel sia costretto a tornare sui propri passi a meditare una strada ritenuta finora impossibile: l'intervento statale, anche se sia il cancelliere, sia il ceo della banca, John Cryan, hanno finora negato un'idea simile. Handelsblatt parlava di speculazioni stando alle quali, in caso estremo, lo Stato rileverebbe il 25% delle azioni, rilanciando in questo modo l'articolo uscito due giorni fa su Die Zeit online dal titolo "Deutsche Bank , la grande sbornia". 

Ma non è tutto. Sotto pressione, infatti, è anche Commerzbank, secondo maggiore istituto in Germania, che ieri mattina all'apertura delle contrattazioni cedeva il 7,92% a 5,35 euro. E non si tratta di una crisi da poco. Commerzbank si prepara infatti a seguire una ferrea cura dimagrante, stando al piano di ristrutturazione da qui al 2020, strategia che rispecchia a pieno l'impegno del nuovo amministratore delegato, Martin Zielke, di ridurre le dimensioni dell'istituto in uno scenario di tassi di interesse negativi e di ridotta domanda da parte dei clienti.


COMMENTI
01/10/2016 - Si stanno scannando fra di loro (Massimo Zamarion)

E' l'economia fondata sui debiti, pubblici o privati (che poi diventano pubblici) che sta affondando. E' l'economia fondata sul dirigismo economico classico o sul suo surrogato finto-liberale basato sul denaro a "costo zero" per decreto che ha finito la sua corsa. Ed ora i protagonisti di questa stagione si stanno scannando fra di loro.