BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E POLITICA/ I "nemici in casa" del governo

Pubblicazione:lunedì 10 ottobre 2016

LaPresse LaPresse

In una scena chiave del film La battaglia di Austerlitz di Abel Gance, mentre tutte le teste coronate d’Europa si inchinano all’Imperatore, la testa non coronata ma acuta di Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord, Principe di Benevento gli sussurra “Attenzione, Maestà, la prima volta che perderete una battaglia, tutti costoro saranno contro di Lei e sarà la fine dell’Impero”. Napoleone, a differenza di altri leader (grandi e piccoli), adorava le proprie truppe e da esse era adorato. Aveva stabilito poi un forte rapporto di stima reciproca con la propria “alta dirigenza”, i generali; alcuni compensati con troni importanti (come quello di Svezia dato a Bernadotte). Non è proprio la strategia dl Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che chiama “mandarini” gli alti dirigenti e “scansafatiche” gli statali in genere, i quali da circa otto anni hanno dato grande prova di devozione allo Stato senza un rinnovo di contratto. Non solo, nell’ottobre 2015 si è giunti a essere in grado di inviare a Bruxelles una bozza di Legge di stabilità solamente perché la dirigenza di dicasteri chiave ha passato notti intere in ufficio per modificarne ripetutamente il testo al fine di soddisfare i tweet “confusi, contraddittori, spesso illegittimi” provenienti da Palazzo Chigi - ci dice un alto dirigente che, deluso, se ne è andato in pensione.

Possono essere la parole di una persona scontenta per tanti ragioni, tra cui alcune di lavoro. Ma a Franklin Templeton, uno dei più antichi e dei maggiori fondi finanziari internazionali, ci sussurrano che il recente aumento dello spread è in buona misura determinato da quel che sta bollendo nella pentola della Pubblica amministrazione italiana: una forte protesta proprio nei giorni della Legge di bilancio, mettendo in serio imbarazzo l’Esecutivo che non riuscirebbe a inviare il documento all’Unione europea nei termini stabiliti. La protesta nel comparto scuola sarebbe solo l’anticipo di un’azione molto più grossa e molto più astuta: seguire puntualmente le regole e le pandette in queste settimane. In tal modo, la Legge di bilancio non arriverebbe a Bruxelles prima di novembre e si dovrebbe prendere atto, ancor prima del referendum, dell’urgenza di un cambio di Esecutivo.

Il detonatore è stato il decreto legislativo sulla dirigenza, ora al vaglio del Consiglio di Stato, il cui parere, però, è non vincolante. In breve, i dirigenti avrebbe incarichi brevi (una preoccupazione delle leggi Bassanini e Brunetta era che fossero sufficientemente lunghi - sei anni - da scavalcare una legislatura), un sistema di valutazione affidato in gran misura a chi ha poca esperienza di public management, penali molto forti (pure degradazione) a chi, anche se valutato positivamente, non trova ogni tre-quattro anni una nuova casella (con inevitabile perdita di esperienza e produttività), trasformazione della Scuola nazionale di amministrazione in una stazione appaltante, forte immissione di dirigenti esterni a contratto.


  PAG. SUCC. >