BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TELECOM ITALIA/ Carla Cico (ex Presidente BrT) multata per il contratto con Kroll

La Consob brasiliana (Cvm) ha condannato a una multa di 1,1 milioni di reais, pari a circa 300 mila euro, Carla Cico, ex Presidente di BrT per aver contrattualizzato Kroll, Nera e FTI

Lapresse Lapresse

Nel 2005, Forbes la collocò al 32esimo posto nella classifica delle 100 donne più influenti del mondo. L’altro giorno, la Consob brasiliana (Cvm) l’ha condannata a una multa salatissima, per il Brasile, di 1,1 milioni di reais, pari a circa 300 mila euro: si tratta di Carla Cico, ex presidente di Brasil Telecom (BrT), colpevole - questa la ragione della multa - di aver contrattualizzato la società di investigazioni statunitense Kroll, e altre due società di consulenza, cioè Nera e FTI, per acquistare servizi che non erano di interesse strettamente aziendale, ma erano in favore del gruppo Opportunity del banchiere Daniel Dantas, all'epoca uno degli azionisti di controllo dell'azienda.

I legali dell'ex numero uno di BrT, protagonista all'epoca di un braccio di ferro con Telecom Italia, hanno annunciato ricorso. La Cvm ha riscontrato anche responsabilità da parte degli amministratori e dei membri del collegio sindacale per alterazione dei fini e mancato rispetto dei doveri di diligenza.

La Kroll venne messa sotto contratto dalla BrT nel 2002, due anni prima di Nera e FTI. L'autorità brasiliana ha anche multato l'ex direttore finanziario di BrT, Paulo Pedro, di 400 mila reais (circa 110 mila euro) per aver partecipato con la Cico alla contrattualizzazione della società Nera. Altri 12 membri del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale hanno ricevuto un avvertimento per non aver agito di forma diligente in relazione alla contrattazione dei servizi delle società di investigazioni e consulenza.

Il giudizio può sembrare l’esito di una vicenda lontana e sepolta, ma è in realtà un capitolo, o piuttosto l’epilogo, di una durissima contesa societaria. Nel 2004, incaricata di indagare su Telecom Italia, che era all’epoca uno dei soci principali di Brasil Telecom, la Kroll fu coinvolta in uno scandalo di spionaggio. In quel momento, infatti, il controllo di Brasil Telecom era conteso tra alcuni fondi pensione, Citigroup e Telecom Italia. Di qui il tentativo di spionaggio industriale pilotato dalla Cico, e finalizzato a trovare elementi di disturbo e pressione contro la Telecom che faceva parte in quel momento del gruppo Pirelli di Marco Tronchetti Provera.

© Riproduzione Riservata.