BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRA 2017/ Bagnai: così Maastricht e il governo mettono in crisi l'Italia

Pubblicazione:domenica 16 ottobre 2016

Pier Carlo Padoan (LaPresse) Pier Carlo Padoan (LaPresse)

Uno dei cardini del trattato di Maastricht è la stabilità dei prezzi, che confligge con l’obiettivo di piena occupazione. La vera riforma della Costituzione non è quella di cui si sta discutendo adesso, ma è quella che è già stata fatta quando abbiamo aderito al trattato di Maastricht. In questo modo abbiamo sostituito il principio della stabilità dei prezzi a quello della difesa del lavoro e del risparmio. Le politiche per il controllo dell’inflazione per un po’ sono andate solo ai danni degli interessi del lavoro, in quanto hanno compresso i salari. Adesso però stanno andando ai danni dello stesso risparmio.

 

Anche la legge di bilancio 2017 andrà in questa direzione?

Dal mio punto di vista il dibattito sulla legge di bilancio è umiliante per tutti gli italiani. Non lamentiamoci se un giorno qualcuno si alzerà in piedi e dirà: “Voi ve la sentite di farvi umiliare così?”. Se facciamo passare ancora qualche anno, risposte nazionalistiche e irrazionali diventeranno all’ordine del giorno.

 

Per Matteo Renzi, “l’1% per il 2017 è una stima davvero prudente, come tutte quelle che fa Padoan”. Lei è d’accordo?

Nel 2017 l’1% di crescita non ci sarà. Renzi sta aspettando che la cavalleria arrivi a salvarlo, ma nella realtà non arriverà perché la Cina stessa rischia una bolla immobiliare. E se la presidente della Fed, Janet Yellen, non alza i tassi d’interesse, significa che l’economia statunitense non è così florida come potrebbe apparire.

 

Perché lei è contrario alla spending review?

Perché trovo preoccupante che si parli ancora di spending review dopo che già nel 2011 la Banca centrale europea ha chiarito che la crisi nella quale siamo dipende dai saldi finanziari privati e non da quelli pubblici. Gli stessi falchi dell’austerità, come Francesco Giavazzi, hanno ammesso che il debito pubblico non è stato l’innesco della crisi. Mi lascia perplesso il fatto che in queste circostanze si continui a parlare di tagliare la spesa pubblica, quando in realtà il governo dovrebbe attuare un intervento espansivo.

 

Che senso hanno queste politiche che vanno contro ogni logica economica?

La Germania sta facendo la guerra agli Stati Uniti con il suo surplus commerciale enorme che infastidisce terribilmente Washington. L’unione monetaria serve a Berlino per fare da parafulmine anche rispetto alle reazioni degli altri partner mondiali. Non è una storia nuova, anzi è già successa. Io insegno a Pescara, una città che nel 1943 fu completamente rasa al suolo. Ho quindi sotto gli occhi la rappresentazione plastica di quello che succede quando i popoli europei si legano alla Germania. Quello che rimane dopo è soltanto un campo di macerie.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
16/10/2016 - Commento (francesco taddei)

La crisi italiana si chiama debito pubblico. Punto e basta. Penalizza gli imprenditori, la ripresa, e ne scarica sui figli il peso.