BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E POLITICA/ La lettera pericolosa per Renzi e l'Italia

Pubblicazione:

LaPresse  LaPresse

Nel contempo, una lettera “di suggerimenti” è in fase di stesura; se arrivasse nei prossimi giorni, aggraverebbe la posizione del Governo Renzi non solo in materia di referendum, ma anche e soprattutto rispetto alle reazioni dei mercati internazionali. Cosa conterrebbe questa lettera? Un’indicazione dell’urgenza di ridurre la spesa di parte corrente, l’indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni e il rapporto tra stock di debito pubblico e Pil. Nonché una vera e propria ricusazione delle misure una tantum (i vari condoni che si annidano nelle slides e negli appunti presentati in attesa del testo definitivo della legga di bilancio). Si impiegherebbe un linguaggio differente da quello della lettera che nell’autunno 2011 segnò la fine del Governo Berlusconi, ma la sostanza sarebbe analoga. Seguire i “suggerimenti” vorrebbe dire scontentare numerose richieste fatte da gruppi di pressione in cambio (dicono i maligni) di appoggio al referendum.

All’inizio del Novecento, George Bernard Shaw scrisse un bellissimo play The Doctor’s Dilemma in cui un medico ospedaliero è di fronte al dubbio se salvare, con una dose sola di un nuovo farmaco rivoluzionario, un suo vecchio amico o il marito della donna di cui è innamorato. Nel suo viaggio elettorale in tutta Italia, il Presidente del Consiglio farebbe bene a portarlo con sé per leggerlo in treno, in aereo e nelle residenze dei Prefetti. Saprebbe come va a finire. E l’arguzia di G.B. Shaw gli darebbe qualche buona idea.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.