BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Notizie Mps/ In Borsa chiude a -1,5%. Moltrasio (Ubi Banca): acquisizione good banks non è scontata

Vediamo le notizie del giorno su Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati su agenzie e quotidiani riguardanti Montepaschi e le altre banche italiane

Lapresse Lapresse

Piazza Affari chiude la giornata con un -0,77% e Mps termina a -1,5%, restando sopra i 18 centesimi ad azione. Andrea Moltrasio intanto ha frenato sull'acquisizione di tre good banks da parte di Ubi Banca, spiegando che non è affatto scontata. Il Presidente del Consiglio di sorveglianza del gruppo bancario ha infatti spiegato: "Non siamo nelle condizioni di fare salvataggi perché siamo una banca interregionale che l'abbiamo tenuta solida durante la crisi". "se possiamo dare una mano al sistema dal punto di vista organizzativo e industriale nell'interesse dei nostri azionisti lo facciamo", ha aggiunto. – Per la Monte dei Paschi di Siena sono ancora settimane piuttosto travagliate che si riflettono puntualmente sul mercato azionario dove sono ancora lampanti le difficoltà del titolo. Non sembra dare un contributo positivo ad MPS il piano di salvataggio a cui sta lavorando da tempo la Jp Morgan Europa con l’ex Ministro dell’Economia Vittorio Grilli assieme ad Enzo Chiesa, ex direttore generale di Banca Popolare di Milano. Un piano di salvataggio che per il momento non convince i mercati azionari con il titolo che continua inesorabile nella propria discesa. In questo momento a Piazza Affari il titolo della Banca Monte dei Paschi di Siena è a quota 0,1832 euro per una perdita rispetto alla chiusura dello scorso venerdì dell’1,56%. Una situazione decisamente difficile a cui occorre dare quanto prima una sterzata.  Piazza Affari si trova in territorio negativo e Mps scende dell'1,3%, restando sopra i 18 centesimi ad azione. Francesco Boccia ha criticato la scelta di affidare il salvataggio di Montepaschi a Jp Morgan. Intervistato da Gianni Minoli a Mix24, il Presidente della commissione Bilancio della Camera ha spiegato:: “Visto che lo Stato ci mette le garanzie, se ci avesse messo anche i soldi, quelli veri, con Cassa depositi e prestiti, a JP Morgan avrei chiesto i soldi esattamente come li abbiamo chiesti alle banche italiane che li hanno messi dentro Atlante, ma sono insufficienti perché servivano e servono dai 12 ai 15 miliardi e ne sono stati messi 4”.  Piazza Affari si muove in sostanziale pareggio e Mps cede lo 0,5%, restando sopra i 18 centesimi ad azione. Secondo quanto scrive Il Corriere della Sera, il ricambio dei vertici di Montepaschi, con l'addio di Fabrizio Viola e Massimo Tononi, sarebbe avvenuto su pressioni di Jp Morgan esercitate sul Governo italiano, che a quel punto avrebbe provveduto ad "accontentare" la banca d'affari americana.  Piazza Affari si muove in rosso e Mps cede lo 0,8%, restando sotto i 19 centesimi ad azione. Oggi è in programma, presso la sede del ministero dell’Economia, un incontro tra i vertici di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Ubi Banca, Abi, Acri e Fondo Atlante, cui prenderà parte anche il ministro Padoan, oltre che il Governatore di Bankitalia Visco. All’ordine del giorno la situazione del sistema bancario italiano alla luce dei timori emersi negli scorsi giorni sulla solidità di Deutsche Bank. Ovviamente si parlerà di crediti deteriorati, di Mps, delle quattro good banks ancora non vendute e della situazione di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza passate sotto controllo di Atlante.

© Riproduzione Riservata.