BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a -0,52%, Mediaset a -2,24% (oggi, 7 ottobre 2016)

Pubblicazione:venerdì 7 ottobre 2016 - Ultimo aggiornamento:venerdì 7 ottobre 2016, 17.41

Lapresse Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude in ribasso dello 0,52% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Atlantia (+0,75%), Azimut (+0,14%), Banco Popolare (+0,27%), Bpm (+0,08%), Mps (+1,25%), Cnh Industrial  (+0,61%), Eni (+0,15%), Ferrari (+0,42%), Stm (+1,43%), Ubi Banca (+1,85%) Unipol (+1%) e UnipolSai (+0,74%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Buzzi (-1,64%), Campari (-2,05%), Ferragamo (-1,92%), Fineco (-2,23%), Mediaset (-2,24%), Moncler (-2,21%), Snam (-2,07%) e Terna (-1,62%). Fuori dal listino principale Softec guadagna il 9,39%, Digital Magics il 9,59%, SS Lazio il 6,29%, mentre Innovatec perde il 26,05%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 141 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 15:50) Piazza Affari cede lo 0,7% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Atlantia (+0,1%), Mps (+1,8%), Cnh Industrial  (+0,1%), Stm (+0,1%), Ubi Banca (+0,8%) e Unipol (+0,1%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Azimut (-1,6%), Bper (-1,6%), Buzzi (-2,2%), Ferragamo (-1,6%), Fineco (-1,7%), Mediaset (-2,2%), Moncler (-1,8%) e Yoox (-1,6%). Fuori dal listino principale Softec guadagna il 9,4%, SS Lazio il 5,8%, mentre Go Internet cede il 5,9%. Il cambio euro/dollaro risale verso quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 141 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 12:55) Piazza Affari perde lo 0,5% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Atlantia (+0,8%), Banco Popolare (+1,2%), Bpm (+0,1%), Mps (+2,1%), Cnh Industrial (+0,5%), Leonardo (+0,9%), Ubi Banca (+0,5%), Unipol (+0,2%) e UnipolSai (+0,3%). I ribassi più ampi sono invece quelli di A2A (-1,6%), Buzzi (-1,7%), Campari (-1,3%), Enel (-1,3%), Ferragamo (-1,2%), Luxottica (-1%) , Mediaset (-1,8%), Moncler (-1,2%), Snam (-1,3%) e Telecom Italia (-1,4%). Fuori dal listino principale Softec guadagna il 5,6%, mentre Go Internet cede il 6,1% e Il Sole 24 Ore il 4,7%. Il cambio euro/dollaro si avvicina a quota 1,115, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova a 141 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:35) Piazza Affari cede lo 0,1% e sul listino principale si notano i rialzi di Banco Popolare (+0,9%), Bpm (+1%), Mps (+1,9%), Leonardo (+1,4%) e Ubi Banca (+0,8%). I ribassi più ampi sono invece quelli di A2A (-1,1%), Buzzi (-0,9%), Luxottica (-1,8%) e Moncler (-1,2%). Fuori dal listino principale Basicnet guadagna il 3,1%, mentre Biancamano perde il 6,2% e Go Internet il 2,1%. Il cambio euro/dollaro si trova a quota 1,11, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 137 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI: PIAZZA AFFARI  RIPROVA A SUPERARE I 16.500 PUNTI Piazza Affari riproverà oggi a chiudere sopra i 16.500 punti dopo il tentativo andato a vuoto di ieri. La giornata vedrà la comunicazione dei dati sulla produzione industriale di Francia, Germania, Spagna e Inghilterra. Si passerà poi ai dati americani, con il tasso di disoccupazione. Qualche ora più tardi verrà comunicato anche il tasso di disoccupazione canadese, in questo caso analisti concordi nell’attendersi un valore del 6.9%. Finale di giornata riservati ad importanti interventi di alcuni personaggi di spicco del Fomc della Fed.

Ieri Piazza Affari ha chiuso con un +0,09%. La Borsa Italiana, pur nel suo minimo rialzo, è stata la migliore delle europee, sugli altri mercati infatti ha campeggiato il segno rosso, con la city di Londra la peggiore che arretra di quasi mezzo punto e Francoforte e Parigi rispettivamente in calo dello 0,16% e dello 0,21%. Sul fronte azionario ancora vendite su Mps, che ieri ha lasciato sul terreno un altro 3,34% raggiungendo il valore di 0,1679 euro per azione. In controtendenza nel settore Unicredit che ieri ha guadagnato oltre il 2% sui rumors di un’offerta vicino ai 4 miliardi per Pioneer.

Il differenziale tra Bund tedeschi e Bto italiani retrocede leggermente, ma resta sopra i 140 punti base.



© Riproduzione Riservata.