BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOTIZIE MPS/ In Borsa a -2,1%. Unicredit: piano industriale potrà influenzare anche i risultati del quarto trimestre

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

MPS NEWS (aggiornamento delle ore 14:25) Piazza Affari diminuisce i suoi guadagni e Mps passa in rosso, cedendo il 2,1% e scendendo sotto i 27 centesimi ad azione. Unicredit, intanto, ha presentato i suoi conti al 30 settembre e in una nota ha spiegato che il nuovo piano industriale, che verrà presentato il 13 dicembre, è ancora in fase di predisposizione. Esso "rifletterà i risultati delle analisi annunciate  nel luglio scorso e tutt'ora in corso su tutti gli asset del gruppo". La banca di piazza Gae Aulenti fa anche sapere che il piano industriale potrà "influenzare anche significativamente le risultanze del quarto trimestre dell'esercizio in corso con riferimento alla valutazione di tali asset e/o agli effetti derivanti da possibili operazioni di mercato riguardanti le partecipazioni e il portafoglio crediti". MPS NEWS (aggiornamento delle ore 11:10) Piazza Affari resta in rialzo e Mps guadagna il 3,1%, portandosi sopra i 27 centesimi ad azione. Alberto Minali, durante la conference call per la presentazione dei dati trimestrali di Generali, ha spiegato che il colosso assicurativo attende di conoscere i dettagli sull'offerta volontaria di conversione in azione dei bond di Montepaschi prima di decidere se aderirvi o meno. Il Cfo di Generali non ha fornito dettagli sul quantitativo di bond Mps in possesso del gruppo, ma ha ricordato che esso ha un'esposizione complessiva al mondo bancario pari all'1% del proprio attivo. Di questa quota, un 40% è costituito da bond subordinati bancari. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 9:10) Piazza Affari si muove in rialzo e Mps è sospesa per eccesso di rialzo, con un teorico +5%. Oggi scade il termine per la presentazione delle offerte per Pioneer. A quanto scrive Il Sole 24 Ore dovrebbero essere cinque le proposte sul tavolo di Unicredit: quella di Amundi, Ameriprise Financial, Macquarie, Aberdeen e del consorzio Poste-Cdp-Anima. Oggi è in programma il cda della banca di piazza Gae Aulenti e al termine dovrebbe esserci un’informativa sullo stato dell’arte dell’operazione. Sembra in ogni caso che una decisione non verrà presa prima di dicembre.



© Riproduzione Riservata.