BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a -0,73%, Fca a +2,18% (oggi, 16 novembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude a -0,73% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente A2A (+1,17%), Atlantia (+0,45%), Cnh Industrial (+1,07%), Enel (+0,05%), Fca (+2,18%), Ferrari (+0,28%), Italgas (+1,2%), Leonardo (+1,31%), Recordati (+0,12%), Snam (+0,56%), Stm (+0,23%), Terna (+0,76%) e Yoox (+1,84%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Azimut (-2,92%), Bper (-2,92%), Banco Popolare (-4,26%), Bpm (-4,76%), Campari (-2,62%), Ubi Banca (-3,95%) e Unicredit (-4,19%). Fuori dal listino principale Primisuimotori chiude a +13,26, Digital Magics a +7,4%, mentre Trevi cede l’11,66%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,07, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 172 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 15:30) Mentre Wall Street apre in calo, Piazza Affari cede l’1,1% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente A2A (+0,2%), Atlantia (+0,1%), Fca (+1,2%), Italgas (+0,7%), Leonardo (+0,2%), Prysmian (+0,1%), Tenaris (+0,3%), Terna (+0,2%) e Yoox (+1,1%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Bper (-2,6%), Banco Popolare (-4,5%), Bpm (-4,5%), Campari (-2,7%), Ferragamo (-3,3%), Fineco (-2,6%), Ubi Banca (-2,7%) e Unicredit (-3,7%). Fuori dal listino principale Primisuimotori guadagna l’8,7%, Digital Magics il 6,3%, mentre Trevi cede il 9%. Il cambio euro/dollaro resta a quota 1,07, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 171 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 12:05) Piazza Affari resta a +0,1% e sul listino principale si notano i rialzi di A2A (+0,8%), Atlantia (+0,7%), Cnh Industrial (+0,7%), Exor (+0,8%), Fca (+2,8%), Leonardo (+1,1%), Poste Italiane (+0,9%), Tenaris (+1,6%) Unipol (+0,7%) e Yoox (+1,2%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Banca Mediolanum (-1,3%), Banco Popolare (-2,7%), Bpm (-2,8%), Ferragamo (-2,6%), Ubi Banca (-1,7%) e Unicredit (-1,4%). Fuori dal listino principale Primisuimotori guadagna l’8,6%, Neurosoft il 4,6%, mentre Trevi cede il 7,8%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,07, mentre lo spread tra Btp e Bund è vicino ai 171 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:35) Piazza Affari sale dello 0,1% e sul listino principale si notano i rialzi di Mps (+3,4%), Enel (+1,4%), Fca (+2,5%), Tenaris (+1,6%) e Unipol (+1,6%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Banca Mediolanum (-1,6%), Banco Popolare (-1,7%), Bpm (-1,7%), Ferragamo (-2,6%) e Mediobanca (-1,2%). Fuori dal listino principale Clabo guadagna il 6,9%, Neurosoft il 4,6%, mentre Trevi cede il 9,7%. Il cambio euro/dollaro si trova poco sopra quota 1,07, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 170 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI: PIAZZA AFFARI ATTENDE LE COMUNICAZIONI DI BRUXELLES Piazza Affari attenderà oggi le valutazioni della Commissione europea sulle manovre finanziarie presentati dai paesi membri, tra cui l’Italia. Prima dalla Gran Bretagna arriverà il dato sulla disoccupazione. In assenza di altri dati europei, nel pomeriggio gli occhi puntati sugli Stati Uniti, dove saranno comunicate le richieste di mutui, l’indice della produzione industriale e l’ammontare delle scorte di petrolio detenute dalle industrie americane.

Ieri è stata una giornata borsistica abbastanza nervosa, con Piazza affari che sulla scia dei mercati europei è riuscita a recuperare e alla fine ha chiuso piatta (-0,02%) a 16.682 punti. Sul piano azionario spicca la debacle di Monte dei Paschi, che ha lasciato sul terreno un decimo del suo valore,. Seduta pesante anche per Unicredit che lascia sul terreno il 4,11%, ma soprattutto pe Trevi Group (-18,9% a 1,115 euro). Sul piano macroeconomico è spiccata la frenata del Pil tedesco, che nei dati resi noti ieri ha evidenziato dei numeri sotto le aspettative degli analisti, di contro in Italia il dato è del +0,3%. Buone notizie per l’Italia anche dal fronte dello spread, che è tornato sotto quota 170 punti base, chiudendo poco sopra i 165.



© Riproduzione Riservata.