BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ITALIA vs UE/ La sfida persa da Renzi

Pubblicazione:

Lapresse  Lapresse

- Poco contributo è arrivato anche dall'azione del governo che, seppur provando a colpire direttamente le problematiche del mondo del lavoro e dell'elevato stock di crediti deteriorati, finora ha fatto pochi progressi. Ad aggiungersi a ciò, "nel breve termine, l'incertezza intorno al referendum del 4 dicembre peserà sul clima economico", mentre nel medio-lungo termine "i pochi progressi previsti in termini occupazionali daranno un supporto limitato alla spesa delle famiglie, andamento che dovrebbe essere opposto per gli investimenti, attesi in ripresa graduale, ma vulnerabile", conclude l'analisi.

- L'Italia, insomma, ha sprecato l'occasione offerta dal Qe. Come scrive Federico Fubini, "il Paese ha usato i risparmi degli interessi sul debito per finanziare spese che non aumentano il potenziale di crescita". Lungi dal crescere, in questi cinque anni L'Italia ha perso un decimo delle sue quote sull'export mondiale. Un bel guaio ora che la bella stagione volge al termine. Proprio ieri Yves Mersch, membro del direttorio della Bce, ha sostenuto che un'estensione troppo prolungata degli acquisti di asset rischia di fornire "incentivi sbagliati" ai governi, fino a contravvenire le regole europee sul finanziamento degli Stati.

- Insomma, non aspettiamoci un cambio di rotta della politica europea proprio adesso, quando sale la tensione con Washington. Dagli Usa soffia il vento del rialzo dei tassi come all'inizio degli anni Ottanta. Allora, anche per lo stimolo della spesa pubblica post terremoto dell'Irpinia, il debito italiano si avviò, inesorabilmente, sopra il 100%, nonostante il boom delle entrate fiscali. Oggi l'effetto potrebbe essere ancora peggiore: in gioco è la sostenibilità stessa degli equilibri della finanza pubblica. 

In sintesi: è giusta la polemica conto l'austerità priva di obiettivi di crescita. Ma è ancora peggio una politica di spesa basata sulle emergenze elettorali, incapace di dar risposte sul fronte della crescita.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.