BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Borsa Italiana oggi/ Milano, news: chiusura a -1,81%, Unicredit a -4,52% (oggi, 28 novembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude in calo dell’1,81% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Terna (+1,07%) e Yoox (+0,23%). I ribassi più ampi sono quelli di Bper (-6,58%), Banco Popolare (-5,05%), Bpm (-5,04%), Fineco (-3,59%), Intesa Sanpaolo (-3,22%), Telecom Italia (-4,27%) e Unicredit (-4,52%). Fuori dal listino principale Gala chiude a +9,39%, LeoneFilm Group a +6,43%, mentre Stefanel cede l’11,71%, Carige il 9,27% e Creva il 7,35%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,06, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova sotto i 188 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 12:15) Piazza Affari cede l’1,5% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente A2A (+0,1%), Atlantia (+1%), Italgas (+0,4%), Snam (+0,1%), Terna (+1,5%) e Yoox (+1,9%). I ribassi più ampi sono quelli di Bper (-3,4%), Banco Popolare (-3,9%), Bpm (-3,6%), Intesa Sanpaolo (-2,7%), Telecom Italia (-2,5%) e Unicredit (-3,9%). Fuori dal listino principale Monrif sale del 4,4%, mentre Enervit cede il 5,6%. Il cambio euro/dollaro si trova sopra quota 1,06, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 188 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:55) Piazza Affari cede l’1,9% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Italgas (+0,2%) e Terna (+0,9%). I ribassi più ampi sono quelli di Bper (-3,4%), Banco Popolare (-4%), Bpm (-3,6%), Exor (-2,7%), Intesa Sanpaolo (-3%), Mediobanca (-3%), Telecom Italia (-2,9%), Unicredit (-4,1%) e UnipolSai (-2,7%). Fuori dal listino principale Monrif sale del 4,4%, mentre Creval cede il 4,8%. Il cambio euro/dollaro sale sopra quota 1,065, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 188 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI: PIAZZA AFFARI RIPARTE DA 16.500 PUNTI Piazza Affari comincia una nuova settimana con l’indice della fiducia delle imprese  italiane. A seguire l’Eurostat pubblicherà il report relativamente alla fiducia che i consumatori dell’eurozona hanno sia sulle aspettative inflattive, che sui prezzi di vendita. In mancanza di altri dati, gli operatori di mercato si concentreranno sulle parole di Mario Draghi nel pomeriggio in un discorso al Parlamento europeo.

Nell’ultima seduta della settimana, quella di venerdì, borse in maggioranza piatte con poche differenze evidenziate dai listini dei maggiori mercati del vecchio continente. In tale contesto Piazza Affari  ha chiuso quasi in parità, con il listino principale che alla fine della giornata ha evidenziato un rialzo dello 0,09%. In campo azionario, come al solito, a tenere banco è la situazione di Monte dei Paschi di Siena. Il titolo senese nell’ultima della settimana ha segnato una debacle sostenuta, e dopo essere stata sospesa parecchie volte per eccesso di ribasso ha chiuso arretrando di oltre 13 punti percentuali, e fissando un prezzo in chiusura di 20 centesimi per azioni. Bene Generali che ha guadagnato oltre 3 punti. 

Lo spread tra Btp e Bund continua a restare sopra quota 180. Il valore di chiusura di  venerdì è stato superiore ai 186 punti base.



© Riproduzione Riservata.