BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a -0,33%, Ubi Banca a -2,62% (oggi, 3 novembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude in calo dello 0,33% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+1,72%), Banca Mediolanum (+0,91%), Intesa Sanpaolo (+1,19%), Luxottica (+2,96%), Poste Italiane (+1,01%) e Unipol (+0,9%). I ribassi più ampi sono invece quelli di A2A (-1,16%), Bper (-1,25%), Brembo (-2,36%), Campari (-1,11%), Cnh Industrial (-1,52%), Exor (-2,7%), Mediaset (-1,61%), Prysmian (-1,01%), Snam (-1,52%), Tenaris (-1,05%) e Ubi Banca (-2,62%). Fuori dal listino principale Stefanel sale del 19,05%, Tas del 16,09%, mentre Reno De Medici cede il 9,23% e Il Sole 24 Ore il 9,09%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,11, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova poco sotto i 154 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 15:50) Piazza Affari guadagna lo 0,1% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+1%), Intesa Sanpaolo (+1,8%), Luxottica (+3,4%), Poste Italiane (+1%), Saipem (+0,9%), Unipol (+1,1%) e UnipolSai (+0,8%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Brembo (-2,4%), Campari (-1,3%), Mediaset (-1%), Snam (-1%) e Ubi Banca (-1,1%). Fuori dal listino principale Stefanel sale del 27,6%, mentre Reno De Medici cede il 7,6% e Digital Bros il 5,6%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,11, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova poco sotto i 154 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 12:10) Piazza Affari sale dello 0,7% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Brembo (-1,4%), Campari (-0,8%), Cnh Industrial (-0,1%), Enel (-0,3%), Exor (-0,1%), Mediaset (-0,8%), Snam (-0,5%) e Tenaris (-1,2%). I rialzi più significativi sono quelli di Azimut (+2,4%), Banco Popolare (+2,2%), Bpm (+2,5%), Fineco (+1,9%), Generali (+1,7%), Intesa Sanpaolo (+1,9%), Luxottica (+2%), Ubi Banca (+1,6%), Unicredit (+2,6%) e Unipol (+2,6%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Bper (-0,9%), Enel (-0,7%), Mediaset (-1%) e Tenaris (-0,8%). Fuori dal listino principale Stefanel sale del 9,4%, mentre Reno De Medici cede il 5,7%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,11, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 152 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:35) Piazza Affari cede lo 0,1% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+0,8%), Banco Popolare (+1,1%), Bpm (+1,1%), Mps (+1,5%), Poste Italiane (+0,7%) e Unicredit (+1,1%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Bper (-0,9%), Enel (-0,7%), Mediaset (-1%) e Tenaris (-0,8%). Fuori dal listino principale Stefanel sale del 9,4%, Biancamano del 4,8% e Inwit del 4,3%, mentre Reno De Medici cede il 4,5%. Il cambio euro/dollaro si trova sopra quota 1,11, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 155 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI: PIAZZA AFFARI CERCA IL RIMBALZO Piazza Affari cerca oggi il rimbalzo dopo la chiusura negativa di ieri. La giornata si aprirà coi report sulla disoccupazione spagnola e italiana. Più tardi arriveranno dagli Usa i numeri sui sussidi ai disoccupati. Importante anche il report relativo all’indice non manifatturiero americano.

Come detto, è stata una bruttissima chiusura quella di ieri per le borse internazionali in generale, e per Milano in particolare. Alla fine della giornata di contrattazione il listino italiano ha lasciato sul terreno due punti e mezzo, e si è assestato sui minimi di giornata a 16.475 punti. In rosso anche tutte le altre borse europee, con Londra, Francoforte e Parigi che chiudono la giornata indietro di oltre un punto. Sul piano azionario pesanti ribassi di molti titoli, tra questi spiccano i bancari, con Banco Popolare e Bpm che lasciano sul terreno oltre 6 punti. Male anche Mps (-3,96%), che ritorna sui minimi a 0.235. In controtendenza Banca Carige che in giornata guadagna oltre 2 punti.

Lo spread tra Btp e Bund in giornata ha superato i 160 punti base, per chiudere poi a 153,2.



© Riproduzione Riservata.