BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiude a +0,48% dopo essere stata sotto per buona parte della giornata (oggi, 8 novembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 20:04) – Una seduta chiusa in positivo per Piazza Affari per un guadagno dello 0,48% con l’indice FTSE Mib giunto a quota 16817. Tuttavia nel corso della giornata di contrattazioni, la Borsa Italiana è stata lungamente in perdita fino a toccare il punto di minimo alle ore 12:45 quando l’indice è stato pari a 16658. Una seduta in chiaro scuro anche per il comparto bancario con alcuni titoli come quello di Mps, Banca Mediolanum e Banca Popolare dell’Emilia Romagna che hanno guadagnato fino al 3,88% mentre ci sono stati istituti come Banca Popolare di Milano e Banco Popolare che hanno perso oltre i due punti percentuali. Da segnalare come il titolo più scambiato sia stato quello di Mps con 17297 contratti chiusi seguito da Intesa Sanpaolo con 11355. Infine, da sottolineare come il cambio euro – dollaro sia sceso a 1.10208, l’oro abbia perso lo 0,37% del proprio valore, il petrolio è leggermente risalito con il Brent a 46,3 dollari al barile mentre lo spread tra titolo di stato decennali italiani e tedeschi sia sceso a 153 per un rendimento dell’1,72%.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude in rialzo dello 0,48% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+7,3%), Bper (+1,88%), Banca Mediolanum (+2,04%), Mps (+3,88%), Brembo (+2,8%), Buzzi (+1,24%), Generali (+1,5%), Leonardo (+1,22%), Luxottica (+1,73%), Moncler (+1,5%) e Telecom Italia (+1,2%). I ribassi più consistenti sono quelli di Banco Popolare (-2,69%), Bpm (-2,85%) e Saipem (-1,49%). Fuori dal listino principale Mondadori chiude a +5,9%, Landi Renzo a -8,33%, Stefanel a -5,69%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,105, mentre lo spread tra Btp e Bund si porta a 153 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 15:35) Piazza Affari cede lo 0,4% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+6,3%), Banca Mediolanum (+1,5%), Mps (+5,9%), Brembo (+1,6%), Leonardo (+1%) e Moncler (+1%). I ribassi più consistenti sono quelli di Banco Popolare (-1,3%), Bpm (-1,9%), Cnh Industrial (-1,9%), Exor (-1,4%), Fca (-1,8%), Prysmian (-2,3%), Saipem (-2,2%), Tenaris (-1,4%), Unicredit (-1,9%), UnipolSai (-1,2%) e Yoox (-1,2%). Fuori dal listino principale Mondadori sale del 6,6%, mentre Stefanel cede il 4,9%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,105, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova poco sopra i 154 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 12:30) Piazza Affari cede lo 0,4% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+5,9%), Banca Mediolanum (+2,1%), Mps (+4,1%), Brembo (+2,2%), Campari (+2,9%), Leonardo (+1,1%) e Moncler (+1,4%). I ribassi più consistenti sono quelli di Bper (-1,1%), Bpm (-1,3%), Cnh Industrial (-1,1%), Fca (-2,1%), Prysmian (-1,4%), Saipem (-1,3%), Stm (-1,8%), Tenaris (-1,8%), Unicredit (-2%), Unipol (-1,6%), UnipolSai (-1,2%) e Yoox (-1,4%). Fuori dal listino principale Basicnet sale del 4,2%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,105, mentre lo spread tra Btp e Bund passa sotto i 155 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:40) Piazza Affari cede lo 0,2% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+4,4%), Mps (+4%), Brembo (+2,5%) e Moncler (+1,6%). I ribassi più consistenti sono quelli di Bper (-1%), Cnh Industrial (-0,7%), Exor (-0,7%), Prysmian (-0,8%), Snam (-0,6%), Tenaris (-0,6%) e Unicredit (-1,8%). Fuori dal listino principale Damiano sale del 3,5%, Chl cede il 3,5% e Fiera Milano il 3,1%. Il cambio euro/dollaro si trova poco sopra quota 1,105, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 156 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI: PIAZZA AFFARI IN ATTESA DELLE ELEZIONI USA Piazza Affari vivrà una giornata particolare, in virtù delle elezioni presidenziali americane. In mattinata arriveranno i dati sulla produzione industriale e la bilancia commerciale della Germania. Sotto il profilo dei dati macroeconomici a stelle e strisce giornata scarica, con attesa alta solamente per gli interventi di alcuni grossi nomi del "board" della Federal Reserve. La giornata di ieri si è chiusa con i rialzi dei mercati finanziari sull’onda del vantaggio della Clinton nelle elezioni americane. Ottima in tale contesto la chiusura di Piazza Affari, che alla fine della giornata di contrattazione ha guadagnato il 2,56%, salendo a 16.736 punti. A Milano il rialzo si è basato principalmente sul settore bancario, all’interno di quest’ultimo vera super star Monte dei Paschi di Siena, che a fine della giornata dopo alcune sospensioni al rialzo ha chiuso a + 22,2%, riconquistando il valore di oltre 0,25 euro per azione. Ottima anche la performance di Intesa Sanpaolo (+5,88% a 2,124 euro). Da segnalare anche il balzo di Ferrari, che ha chiuso a +6,77% a 49,2 euro, sulla scia di un ottima trimestrale. Lo spread tra Btp e Bund è sceso in zona 155 punti base, dopo essere stato sopra i 160 in prima mattinata.



© Riproduzione Riservata.