BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Notizie Mps/ In borsa chiude a -9,88%. Massiah (Ubi Banca) esclude aggregazione con Montepaschi

Pubblicazione:giovedì 11 febbraio 2016 - Ultimo aggiornamento:giovedì 11 febbraio 2016, 17.37

Infophoto Infophoto

MPS NEWS (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude con un -5,63% e Mps scende del 9,88%, portandosi sotto i 49 centesimi ad azione. Victor Massiah, amministratore delegato di Ubi Banca, ha escluso un'aggregazione con Montepaschi, spiegando che al momento "non ci sono le condizioni". Durante la conference call per la presentazione dei risultati 2015 Massiah ha spiegato che fusioni e aggregazioni saranno valutate nel caso creino valore, ma che per il momento le condizioni di mercato non consentono di non focalizzare l'attenzione su Ubi stessa. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 14:15) Piazza Affari è ancora in rosso e Mps cede l'8,4%, scendendo verso i 49 centesimi ad azione. Il Tribunale fallimentare di Arezzo ha dichiarato lo stato di insolvenza di Banca Etruria. Si apre quindi ora la strada per un’inchiesta sui vecchi vertici della banca toscana con l’accusa di bancarotta fraudolenta. Il Codacons è pronto a costituirsi parte offesa nel procedimento e a fornire assistenza legale a tutti i risparmiatori azzerati che vogliano chiedere il risarcimento dei danni subiti. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 10:25) Mentre Piazza Affari amplia il suo ribasso, Mps segna un -6,9%, che fa restare il titolo ancora sopra i 50 centesimi ad azione. Secondo Il Sole 24 Ore, Banca Carige potrebbe anticipare l'assemblea dei soci al 31 marzo. La decisione non dovrebbe arrivare durante il cda di oggi, ma la prossima settimana. Si avvierebbe quindi la corsa per l'elezione dei nuovi membri del cda, con la famiglia Malacalza che dovrebbe presentare una lista con la Fondazione Carige. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 9:10) Piazza Affari si muove in rosso e Mps cede il 3,8%, sotto quota 52 centesimi ad azione. Nella tarda serata di ieri il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto sulle banche che contiene la riforma delle Bcc e la “bad bank” frutto dell’accordo con la Commissione europea. Le misure per i rimborsi agli obbligazionisti delle quattro banche salvate sono state rimandate a un intervento successivo che avverrà anche tramite un decreto ministeriale. Matteo Renzi ha spiegato che con i provvedimenti “il sistema bancario italiano è più solido”.



© Riproduzione Riservata.