BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA/ Risposte ai dubbi in tempo reale, la Rai si sta attrezzando (ultime notizie e news 26 febbraio)

Canone Rai 2016 news, con le ultime notizie riguardo l'imposta sulla televisione dopo la novità che ha introdotto il pagamento attraverso la bolletta elettrica

InfoPhoto InfoPhoto

In un lungo colloquio con Mix 24, la trasmissione di Giovanni Minoli in onda su Radio 24, la Presidente della Rai Monica Maggioni ha parlato anche del canone, spiegando che verrà fatto di tutto perché tecnicamente non ci siano problemi. Per questo sta anche facendo in modo che ci siano degli strumenti “perché chiunque abbia un problema, o voglia un chiarimento, possa averlo in tempo reale”. Rispetto alle polemiche dei concorrenti, la Maggioni ha detto che “gli altri editori è meglio che ripianino i loro bilanci con la loro abilità manageriale. La Rai è in grado di fare il servizio pubblico, in pieno, senza avere nessuno che viene in soccorso su questo”.  Sul canone Rai in bolletta sembra prepararsi una battaglia a suon di carte legali. L’imposta viene da molti considerata elevata come importo, se si pensa che viene pagato il possesso del televisore. In effetti, se si pensa al valore oggetto della tassazione ci si accorge che l’importo del canone sembra sproporzionato. E c’è anche chi non nasconde che l’addebito sul conto elettrico non sia esente da problemi, dato che si vuol inserire un’imposta tra i costi di un servizio di tutt’altro tipo rispetto a quello televisivo. L’avvocato tributarista Luigi Piccarozzi, scrive Libero, ha quindi pronti un centinaio di ricorsi per dar vita a una class action contro il canone Rai. Vedremo se e quando verrà presentata.

Le modifiche volute dal Governo Renzi per il pagamento del canone Rai con relativo inserimento nella bolletta energetica a partire dalla rata di luglio, hanno fatto nascere nei contribuenti diversi motivi di disorientamento e di dubbi in merito a come comportarsi in determinate situazioni. Una delle casistiche più probabili è quella in cui l’abbonamento è intestato ad una persona diversa dal titolare del contratto di fornitura elettriche. Nel caso in cui i due titolari facciano parte del medesimo nucleo familiare dovrà essere corrisposto un solo canone. Inoltre, per evitare disguidi vari, è consigliabile inviare un modulo di autodichiarazione in cui si fa presente che entrambi fanno parte del medesimo nucleo per cui deve essere pagata una sola imposta.

© Riproduzione Riservata.