BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Canone Rai 2016 in bolletta/ La petizione per dare i soldi al proprio programma preferito (ultime notizie e news 4 febbraio)

Canone Rai 2016 in bolletta, le ultime notizie riguardanti l'imposta che da quest'anno verrà pagata attraverso il conto elettrico e le news riguardanti la tv pubblica

Infophoto Infophoto

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, NOVITÀ NEWS E ULTIME NOTIZIE. UNA NUOVA PETIZIONE PER DARE I SOLDI DEL CANONE AL PROPRIO PROGRAMMA PREFERITO (OGGI, 4 FEBBRAIO) Una nuova petizione riguardante il canone Rai sta prendendo piede su Twitter. Avviata sulla piattaforma change.org, ha raccolto quasi duemila adesione in due giorni. La petizione chiede “di dare ad ogni cittadino italiano il diritto di destinare il 100% del canone al finanziamento del programma Rai televisivo o radiofonico che preferisce”. In buona sostanza non si chiede di non pagare l’imposta, ma di poter decidere quali programmi finanziare, in modo che possano rispondere di più ai gusti e alle preferenze dei cittadini, che a quel punto sarebbero anche meno “ostili” al canone Rai, dato che ognuno potrebbe dare i suoi 100 euro al programma che ritiene meritorio. La Rai dovrebbe in ogni caso poi rendere pubblico l’importo assegnato dai cittadini a ogni singolo programma.

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, NOVITÀ NEWS E ULTIME NOTIZIE. CHIARIMENTI SUGLI ARRETRATI (OGGI, 4 FEBBRAIO) – In questi giorni si sta parlando tantissimo dell’inserimento in bolletta del pagamento del Canone Rai 2016, previsto dal Governo presieduto dal Premier Matteo Renzi nell’ambito della Legge di Stabilità, ed in particolar modo di alcuni punti poco chiari. Nello specifico l’attenzione dei cittadini ed in particolar modo di quel 40% che secondo le stime del Governo ha evaso il canone negli anni precedenti, si interrogano se sulla propria bolletta energetica oltre all’importo dovuto per l’anno 2016 possano arrivare anche gli arretrati. In realtà questa evenienza non potrà mai verificarsi per il contribuente in quanto non ha valore retroattivo. Una variazione che come ha sottolineato lo stesso Ufficio Stampa della Rai, è stata inserita all’interno della Legge di Stabilità mettendo così una classica pietra sul passato.

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, NOVITÀ NEWS E ULTIME NOTIZIE LIVE. UNCEM CHIEDE DI USARE GLI INTROITI PER POTENZIARE LE TRASMISSIONI (OGGI, 4 FEBBRAIO) Con il canone Rai in bolletta ci saranno sicuramente introiti più alti dell’imposta. E l’Uncem, l’Unione nazionale delle comunità montane, ritiene che questi debbano essere usati per “potenziare ripetitori e strumenti di trasmissione” sul territorio montano. In questi giorni i circa 4.000 comuni montani italiani stanno anche approvando un ordine del giorno per chiedere “a RaiWay di migliorare il servizio, e al Governo e al Parlamento, attraverso AgCom e CoReCom, di avviare una completa mappatura del territorio italiano”. Secondo i dati di Uncem, ci sono 5 milioni di italiani che hanno difficoltà a vedere l’informazione regionale e altrettanti hanno problemi di ricezione di tutti i canali. 

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, NOVITÀ NEWS E ULTIME NOTIZIE LIVE. ALESSANDRA MORETTI (PD) DIFENDE LA SCELTA DEL GOVERNO (OGGI, 4 FEBBRAIO) Alessandra Moretti difende la scelta di inserire il canone Rai in bolletta. La capogruppo del Pd nel consiglio regionale del Veneto ha spiegato infatti a diMartedì che la nuova modalità di riscossione consente di contrastare l’evasione dell’imposta (circa il 30%) per arrivare a una progressiva riduzione dell’importo della stessa, che nel 2017 dovrebbe ammontare a 95 euro. La Moretti ha anche spiegato che una parte minima degli introiti finirà alla Rai, mentre una fetta più grande spetterà alle emittenti locali. Con le risorse si finanzierà anche l’estensione dell’esenzione dal canone per i cittadini con più di 75 anni, oltre a un “fondo sociale per abbattere la pressione fiscale”.

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, NOVITÀ NEWS E ULTIME NOTIZIE LIVE. ZILLI (LEGA NORD): INACCETTABILE FAR PAGARE CHI NON RIESCE A VEDERE I CANALI RAI (OGGI, 4 FEBBRAIO) Considerando che il canone Rai si pagherà in bolletta, la mancata copertura del segnala nelle aree montane e pedemontane è un disservizio intollerabile. Questa è la posizione della Lega Nord in Friuli Venezia Giulia e Barbara Zilli, consigliera regionale, ha presentato una mozione per impegnare la Giunta a far sì che “una tassa inutile non vada quantomeno a gravare su quei contribuenti che non riescono ad usufruire del servizio”. Zilli ha anche ricordato che il Consiglio comunale di Forgaria (UD) chiederà al Governo di esentare le aree montane dal pagamento del canone e dunque occorre anche che la Regione faccia la sua parte. 

“Già il canone, gabella assurda e non più attuale, dovrebbe essere abolito; oltretutto viene imposto anche a chi, come gli abitanti delle aree montane, non riesce ad usufruire del servizio. L’averlo inserito in bolletta è stata un’imposizione inaccettabile”, ha detto la Zilli.

© Riproduzione Riservata.