BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ "L'attacco frontale" a Italia (ed Europa del Sud)

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ma non basta. Per Secker, «le recenti cautele degli investitori tendevano a focalizzarsi sul rafforzamento del dollaro, sulla Cina o sul prezzo del petrolio, ma noi pensiamo che il 2016 potrebbe riportare l'Europa a invertire gli ordini, qualcuno potrebbe dire tornando al posto che le compete! Il prossimo referendum sulla permanenza del Regno Unito nell'Ue, che dovrebbe tenersi a giugno, potrebbe essere il catalizzatore per un aumento del premio di rischio nell'area a breve termine, ma è l'attuale crisi dei migranti che rischia di erodere la coesione politica nel medio termine e portare a un aumento dell'incertezza nella periferia. La Grecia ha una scadenza di pagamento sul debito importante questa estate, la Spagna è attualmente senza un governo, le nuove regolamentazioni europeo non hanno permesso all'Italia di adottare una bad bank efficace per risolvere i suoi problemi e il governo socialista recentemente eletto in Portogallo sta ribaltando le misure che hanno portato ad austerity e miglioramento della competitività. Durante i rialzi ciclici i mercati tendono a non guardare troppo attentamente a queste preoccupazione ma accade il contrario, quando la crescita comincia a stagnare». 

Guarda caso, il giorno dopo i mercati hanno accesso i fari e anche i lampeggianti verso il rischio di controparte della periferia europea. Se non capite che siamo sotto attacco dopo questo, allora godetevi pure il protettorato anglo-tedesco che ci attende al varco. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
09/02/2016 - Attacco a Italia. (delfini paolo)

Grazie per l'interessantissimo articolo.Comunque con la ue e l'eurozona non ci sarà alcuna crescita per i popoli Europei,solo un lento ma drastico impoverimento, per la gioa degli speculatori finanziari e dei loro camerieri che invece si faranno sempre di più i loro beati affari.