BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOTIZIE MPS/ In Borsa chiude a +3,93%. Clarich: partecipazione del Tesoro in Montepaschi non è strategica

Vediamo le notizie del giorno su Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati su agenzie e quotidiani riguardanti Montepaschi e le altre banche italiane

Infophoto Infophoto

Piazza Affari chiude in sostanziale parità (+0,02%) e Mps termina la seduta a +3,93%, sopra i 59 centesimi ad azione. Marcello Clarich, Presidente della Fondazione Mps, ha ricordato, a chi gli chiedeva della possibilità che il Tesoro possa salire al 7% nel capitale di Montepaschi, che il ministero dell'Economia e delle Finanze ha sempre detto di ritenere la partecipazione in Mps non strategica. Piazza Affari vira in positivo e Mps sale dell'1%, avvicinandosi ai 58 centesimi ad azione. Le Banche popolari hanno aumentato il credito erogato alle famiglie (+300 milioni) e alle Pmi (+200 milioni) a gennaio rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Dati che, ricorda il Presidente di Assopopolari, Corrado Sforza Fogliani, confermano "l’impegno prioritario delle Popolari per il finanziamento dell’economia reale. Le Banche Popolari, che sono banche territoriali e di prossimità, identificano nelle famiglie e nelle Piccole e Medie Imprese la propria bussola e, dunque, hanno sempre avuto e sempre avranno l’obiettivo di favorire l’accesso al credito e, con esso, la ripresa dell’economia.” Piazza Affari si muove in rosso e Mps cede il 2,4%, sotto i 56 centesimi ad azione. La Consob per la giornata di oggi ha disposto il divieto di vendite allo scoperto per Banco Popolare. Ieri era stata una seduta piuttosto turbolenta per il titolo, che aveva sfiorato anche il -15% dopo che le notizie di stampa hanno fatto capire che l’aggregazione con Bpm potrebbe saltare. Per il momento Banco Popolare cede comunque  il 4%, mentre Bpm perde il 3,5%.

© Riproduzione Riservata.