BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPILLO/ Il "lato oscuro" di concorrenza e produttività

Pubblicazione:domenica 27 marzo 2016

Infophoto Infophoto

In un mondo frastornato, attonito, incartato nell'indicibile di quel che accade, io corro, tu corri, tutti corrono per produrre al meglio, per acquistare al meglio: concorrenza. È ok per affinare il prodotto, migliorare la qualità, mitigare il prezzo: buona per i consumatori. Per i produttori: una guerra di tutti contro tutti per migliorare i processi, i prodotti, controllare i costi, aumentare i ricavi. L'innovazione tecnologica il mezzo, l'aumento dell'efficienza il fine; la produttività il must.

Ecco, sì produttività. Per chi mette merci sul mercato: efficienza, novità a più non posso e valore, valore. Valore aggiunto. Poi fare meglio degli altri, prima degli altri, farlo in fretta: la tecnologia "touch screen", ancora da vendere, già superata dal meraviglioso "no touch, point to"; il succedersi rituale delle collezioni della moda per collezionisti consumatori che indossano il tempo breve del fashion.

Stress. Collassa così il ciclo di vita delle merci, saltano i tempi di ammortamento, sale il costo per unità di prodotto. Nell'empireo dell'eccesso produttivo, altro eccesso: si produce invenduto, si ingolfa il mercato, si riducono i margini di profitto, si svaluta valore; si bruciano risorse e ricchezza.

Per chi acquista: la possibilità di avere di più e, magari quel più con meno; di ottenere il nuovo a ogni piè sospinto e il nuovissimo appena il giorno dopo, tanto da non riuscire né a pagare, né a godere l'avuto.

Viene alterata la capacità riproduttiva della natura; la capacità di smaltimento della Terra. Beh, nel frattempo, Buona Pasqua.



© Riproduzione Riservata.