BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TASSE E POLITICA/ Imu e Tasi, il taglio "flop" che blocca il portafoglio

Pubblicazione:mercoledì 30 marzo 2016

Infophoto Infophoto

«Da novembre la ripresa dei consumi si è bloccata. Per fare risalire i consumi non basta la fiducia, ma occorre anche che ai cittadini arrivino e rimangano più soldi nelle tasche. È questo il dato di fatto con il quale il governo dovrà fare i conti». È quanto evidenzia Francesco Daveri, professore di Scenari economici all’Università Cattolica di Piacenza. Dai dati Istat pubblicati martedì emerge un miglioramento nella fiducia dei consumatori, che passa da 114,5 a 115, e un peggioramento di quella delle imprese, da 103,2 a 100,1. La crescita nella fiducia dei consumatori è però apparentemente contraddetta dal fatto che, sempre secondo l’Istat, a gennaio le vendite del commercio al dettaglio sono rimaste invariate rispetto a dicembre, mentre sono diminuite dello 0,8% rispetto a gennaio 2015. Non a caso Adusbef e Federconsumatori hanno rimarcato che le stime dell’Istat sono “eccessivamente ottimiste” in quanto “di fronte alla situazione estremamente grave in cui versa il potere di acquisto delle famiglie tali dati, anche se cauti, risultano fuori luogo".

 

L’aumento della fiducia dei consumatori è sinonimo di una crescita della domanda interna?

Nei dati Istat c’è una discrasia tra l’andamento della fiducia dei consumatori che continua a migliorare e i dati di consumo effettivi sulle vendite al dettaglio raccolti sia dall’Istat che da altre fonti. Da novembre in poi di fatto la ripresa dei consumi si è bloccata, e questo è il dato di fatto con cui il governo dovrà fare i conti.

 

Che cosa non sta funzionando?

Il punto è che per fare risalire i consumi non basta la fiducia, ma occorre anche che ai cittadini arrivino e rimangano più soldi nelle tasche, cioè che aumenti il loro reddito disponibile. La diminuzione delle imposte prevista per il 2016 è piuttosto limitata, e quindi da questo punto di vista quanto è stato fatto è ancora insufficiente.

 

Intanto la fiducia delle imprese registra un peggioramento. Perché?

Sicuramente l’aumento dei consumi, per quanto limitato, è andato più che in passato in importazioni. Ciò è in funzione del fatto che nel corso della crisi è diminuita la capacità competitiva delle aziende italiane e del made in Italy, soprattutto per quanto riguarda le piccole imprese. Tutto questo va a minare la fiducia delle imprese, perché significa che qualcuno vede passare il treno della ripresa senza che questo si fermi nella sua stazione.

 

Qual è lo stato di salute del mercato immobiliare?

Guardando ai dati del mercato immobiliare quello che emerge è che, mentre c’è una ripresa delle compravendite, i prezzi sono rimasti ancora stazionari. Non c’è quindi ancora una crescita della domanda di case, e ciò segnala il fatto che i consumatori continuano ad avere bisogno di più soldi in tasca.

 

Insieme a questi aspetti negativi, lei vede emergere anche un dato positivo?


  PAG. SUCC. >