BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RCS NEWS / Titolo in rialzo a Piazza Affari dopo il tonfo di ieri (Oggi, 4 marzo 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagini di repertorio (Infophoto)  Immagini di repertorio (Infophoto)

RCS NEWS, IL TITOLO GUADAGNA IN BORSA (OGGI, 4 MARZO 2016) - Torna a guadagnare il titolo Rcs a Piazza Affari oggi dopo lo scivolone registrato ieri in seguito alle notizia dell'uscita di Fca dall'azionariato del gruppo. Rcs ha chiuso questa giornata "con sprint in Borsa e avanza del 3,47% a 0,57 euro. I volumi restano intensi e pari a 7,4 milioni di pezzi: decisamente sopra la media giornaliera dell'ultimo mese (2,5 milioni), ma inferiori agli scambi della vigilia (10,8 milioni) con lo scivolone sulla notizia della prevista uscita degli Agnelli. Ed è positivo a Piazza Affari anche il Gruppo l'Espresso in rialzo del 2,43% a 0,98 euro", come riportato dall'Ansa. Ieri il titolo aveva invece fatto registrare -7,87%. 

RCS NEWS, I COMUNICATI DEI CDR DOPO L'ANNUNCIO DELL'USCITA DI FCA DALL'AZIONARIATO (OGGI, 4 MARZO 2016) - Sono in rivolta i comitati di redazione Rcs dopo l'annuncio dei giorni scorsi delle nozze Stampa-Repubblica, in seguito alla fusione tra Itedi e l'Espresso, e dell'uscita di Fca dall'azionariato del gruppo. I Cdr di Corriere della Sera, di Gazzetta dello Sport e dei Periodici di Rcs Mediagroup pubblicano ciascuno un comunicato di sdegno per i commenti successivi all'annuncio. Secondo quanto riportato da Primaonline, la casa automobilistica di Torino è ritenuta dai giornalisti tra le "responsabili delle scelte industriali disastrose, dall’acquisto di Recoletos, alle vendite immobiliari, fino alla vendita di Rcs Libri, fatte e portate avanti da manager “targati Fiat”, come Antonello Perricone e Pietro Scott Jovane, e che hanno lasciato una società smembrata e impoverita. In conclusione poi la speranza che il piano industriale sia portato avanti con convinzione dal nuovo ad Cioli e che il prossimo assetto azionario sia disposto a credere ancora nel futuro dei giornali" (clicca qui per leggere i comunicati) 



© Riproduzione Riservata.