BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA / Quando l'imposta può essere chiesta agli eredi (ultime notizie e news 8 marzo)

Canone Rai 2016 in bolletta, ultime notizie e news live: rischio concreto che 5milioni di famiglie si possano ritrovare con bollette errate (Ultime notizie e News live 8 marzo)

InfoPhotoInfoPhoto

In attesa del canone Rai in bolletta, il sito laleggepertutti.it accede i riflettori su una questione di non poco conto: il fatto che il pagamento dell’imposta sulla tv può essere chiesto anche agli eredi di una persona defunta. Equitalia quindi può richiedere agli eredi il canone che era dovuto, ma senza sanzioni, specifica il sito, dato che queste non possono essere richieste a chi subentra al defunto. Se si rinuncia all’eredità non si ha invece l’obbligo di rispondere dei debiti, quindi nemmeno del canone Rai non versato. Il sito consiglia in ogni caso di comunicare all’Agenzia delle Entrate, Sportello SAT, l’eventuale decesso di un titolare di canone Rai, producendo anche copia del certificato di morte, così da evitare che venga richiesto il pagamento del rinnovo. Nella Legge di Stabilità il Governo Renzi anche con l’obiettivo di combattere l’evasione fiscale, ha introdotto il nuovo meccanismo di pagamento del canone Rai con relativa introduzione all’interno della bolletta energetica elettrica. Una decisione che ha fatto arrabbiare e non poco alcune associazioni consumatori soprattutto in mancanza dell’annunciato decreto attuativo che fa permanere sulla vicenda diversi punti interrogativi. A tal proposito è di queste ore l’allarme lanciato da parte delle associazioni consumatori che parlano della concreta possibilità di invio di circa cinque milioni di bollette con importi errati non prendendo in considerazione persone che fanno parte dello stesso nucleo familiare, persone che non hanno in casa un televisore e tutti gli altri casi in cui i contribuenti non dovrebbero pagare. In particolare l’Unione Nazionale Consumatori ha espresso una serie di critiche sulle disposizioni applicative in arrivo.

© Riproduzione Riservata.