BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ La spesa che fa guadagnare imprese e consumatori

Pubblicazione:domenica 10 aprile 2016

Infophoto Infophoto

Cavolo. Per questi ortodossi dell’economia, pur di non cambiare i paradigmi che agitano il loro pensiero, costringerebbero i principi del libero mercato a farsi friggere, proprio quando questa congiuntura lascia intravvedere soluzioni eterodosse per andare oltre la crisi. Et voilà: per guadagnare occorre spendere! Più eterodosso di così non si può: se si vogliono far crescere i salari, così come i profitti aziendali, occorre vendere quel sovrappiù che ingolfa i magazzini, per farlo occorre che i consumatori dispongano di un potere d’acquisto idoneo a smaltire quelle sovraccapacità che frenano la nuova produzione e riducono i salari.

Già, occorre remunerare cotanto impeto all’acquisto, che impiega tempo, attenzione e competenza per potersi esercitare e che fa tanto bene ha chi ricava ricavi [1]. Altro che controllo sui prezzi. Sì, perché solo la spesa genera reddito senza infingimenti. Il lavoro poi lo distribuisce, quando si lavora per nuovamente produrre, avendo smaltito e incassato il profitto.

 

[1] Steen Jakobsen, capo economista di Saxo Bank, dice: “Viviamo una crisi finanziaria che dura da otto anni e i lavoratori portano a casa remunerazioni ai minimi storici, mentre le aziende conseguono i guadagni (al lordo delle imposte) più elevati di sempre. Senza contare che si assiste al più basso livello di investimenti mai registrato nella storia e al più basso livello di produttività.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.