BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Così euro e Ue ci hanno portato in trappola

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

E qual è il risultato di tutto questo macroscopico impegno? Lo abbiamo visto all'inizio: meno zerovirgoladue. E non è un caso italiano, perché le cose all'estero non vanno meglio. Nemmeno negli Usa. Perché il sistema utilizzato è un fallimentare per definizione: se infatti viene messo in piedi un sistema nel quale inflazione e crescita sono necessariamente in relazione diretta, allora sarà inevitabile che con buona crescita avremo un'inflazione alta, mentre con inflazione bassa avremo crescita bassa. Se abbiamo impostato il sistema monetario per ottenere questi risultati, allora non bisogna lamentarsi di avere ottenuto questi risultati. Occorre lamentarsi casomai di aver permesso a qualcuno di aver impostato un simile iniquo sistema.

E questo è successo nel momento in cui abbiamo consegnato la nostra sovranità monetaria. E l'abbiamo consegnata a dei signori che l'hanno realizzata prima dell'unione politica proprio con l'obiettivo di costringere con la forza la politica a un'unione che altrimenti politicamente sarebbe inaccettabile. Ora siamo già sul binario di una "sempre più necessaria" unione europea ("ci vuole più Europa", proprio la ricetta che ha fallito) e si inizia a parlare di unione di stati federali, scimmiottando il modello statunitense.

Ma è proprio quel modello a essere su un binario morto, sul bordo del burrone. Secondo le ultime rilevazioni, negli Usa il numero di fallimenti aziendali è a livelli mai visti finora dallo scoppio della crisi. E Renzi a Rimini disse: "Noi abbiamo un faro: sono gli Usa". Ma la direzione suggerita da papa Francesco è esattamente l'opposta: "Il denaro deve servire, non governare!". Allora per costringere il denaro a servire l'economia nazionale, occorre che il denaro sia sottomesso e sottoposto a un governo nazionale. Occorre una moneta di Stato. Occorre una moneta che per lo Stato non sia un costo, non sia un debito, ma venga stampata a seconda delle necessità, per il bene comune. Una tale moneta non può essere un costo per la collettività.

L'alternativa la stiamo vedendo: una coperta troppo corta per definizione, con crescita insufficiente e debito sempre crescente. Il disastro prossimo venturo è inevitabile. Occorre prepararsi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.