BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

730 PRECOMPILATO 2016 / News, dal 15 aprile online. Quali sono i farmaci da banco da inserire nella dichiarazione (ULTIME NOTIZIE, OGGI 14 aprile)

Pubblicazione:giovedì 14 aprile 2016 - Ultimo aggiornamento:giovedì 14 aprile 2016, 19.25

FotoliaDa FotoliaDa

730 PRECOMPILATO 2016, DAL 15 APRILE ONLINE, QUALI SONO I FARMACI DA BANCO DA INSERIRE NELLA DICHIARAZIONE – Domani, dopo una spasmodica attesa, finalmente è disponibile per milioni di contribuenti il modello 730 precompilato 2016 che può essere scaricato dal sito dell’Agenzia delle Entrate oppure da quello dell’Inps. La grande novità di quest’anno è rappresentata dall’inserimento dei dati relativi alle spese mediche. Tuttavia nel modello saranno presenti soltanto le spese sostenute per visite mediche, ospedaliere ed i farmaci acquistati in farmacia previa prescrizione medica. In parole povere,occorre integrare il modello 730 con le spese sostenute per i cosiddetti farmaci da banco. Non tutti i prodotti presenti in farmacia sono detraibili: come riconoscerli? È sufficiente controllare lo scontrino ed appurare che in esso sia presente la parola farmaco e non diciture alternative come ad esempio prodotto parafarmaceutico.

MODELLO 730 PRECOMPILATO 2016, DAL 15 APRILE ONLINE. DAL 2 MAGGIO SI POTRANNO EFFETTUARE MODIFICHE, INTEGRAZIONI ED INVIO DELLE DICHIARAZIONI – Da domani 15 aprile i contribuenti italiani potranno prendere visione del modello 730 precompilato 2016 che rispetto allo scorso anno si presenterà maggiormente completo per complessivi 700 milioni di dati, buona parte dei quali sono relativi alle spese mediche. Dopo aver scaricato il modello, ogni contribuente dovrà verificare la veridicità dei dati in esso contenuto ed eventualmente andare ad effettuare modifiche oppure integrazioni (ad esempio aggiungendo le detrazioni per farmaci da banco che non vengono portati in conto). Modifiche ed integrazioni che potranno essere ‘ufficializzate’ a partire dal prossimo 2 maggio, ed ossia primo giorno per l’invio telematico dei modelli di dichiarazione per mezzo di Caf, di liberi professionisti abilitati quali commercialisti oppure in maniera autonoma utilizzando l’apposito format presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate nell’area personalizzata.

MODELLO 730 PRECOMPILATO 2016, DAL 15 APRILE ONLINE. IL SITO CON LE INFORMAZIONI DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Domani sarà online il modello 730 precompilato per moltissimi contribuenti italiani. Come ricorda l’Agenzia delle Entrate, se verrà accettato senza modifiche non sarà necessario esibire le ricevute e non si sarà soggetti a controlli. Tuttavia non è detto che quanto predisposto risulti completo rispetto alle detrazioni e deduzioni cui si avrebbe diritto. In ogni caso in vista dell’importante appuntamento di domani, l’Agenzia delle Entrate ha predisposto un sito con tutte le informazioni sulla dichiarazione dei redditi precompilata: dalla scadenze alle risposte alle domande più frequenti, fino ai canali di contatto per chiedere ulteriori chiarimenti. Clicca qui per accedere al sito.

MODELLO 730 PRECOMPILATO 2016, DAL 15 APRILE ONLINE. PRESTO IN ARRIVO ALERT PREVENTIVI DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE Venerdì il 730 precompilato 2016 sarà disponibile on line per milioni di contribuenti. Ma l’Agenzia delle Entrate ha pronte delle novità per riuscire a fornire servizi migliori. Lo ha spiegato Rossella Orlandi durante l’audizione alla commissione bicamerale di vigilanza sull’anagrafe tributaria, annunciando che si sta in particolar modo lavorando su “nuove forme di alert preventivi per ricostruire con ciascun contribuente un rapporto il più possibile sereno e costruttivo”. In questo senso ha spiegato che lo scorso anno, grazie ai dati delle Certificazioni uniche, l’Agenzia ha potuto individuare contribuenti che non hanno presentato la dichiarazione dei redditi pur essendo tenuti a farlo. Così ha potuto inviar loro una lettera per avvisarli di questa “anomalia” e informandoli su come sanare la loro posizione per evitare multe salate a seguito di controllo.

Secondo la Orlandi, "promuovendo un dialogo costante con il cittadino è possibile favorire efficacemente l'adempimento dei corretti obblighi tributari, a favore della legalità e del sistema economico nel suo complesso”.



© Riproduzione Riservata.