BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Canone Rai 2016 in bolletta/ Ci siamo, decreto attuativo trasmesso al Consiglio di Stato. L'esonero anche online (Ultime notizie e News live 2 aprile)

Canone Rai 2016 in bolletta, ultime notizie e news live: il Governo ha terminato il decreto attuativo che è stato trasmesso al Consiglio di Stato (Ultime notizie e News live 2 aprile).

InfoPhoto InfoPhoto

Il Governo Renzi ha ultimato la stesura del decreto attuativo per regolamentare le modalità di pagamento del canone Rai, inserendo tutti gli obblighi sia per il contribuente che per le stesse imprese elettriche che ne gestiscono la riscossione per mezzo delle bollette energetiche. Dunque per quanti sono nelle condizioni di essere esonerati dal pagamento non avendo in casa un televisore, è tempo di muoversi informando della cosa l’Agenzia delle Entrate. In tal senso potrebbe rivelarsi molto utile la novità offerta dal sito dell’Agenzia delle Entrate sul quale a partire dal prossimo lunedì 4 aprile è possibile effettuare l’esonero online attivando la relativa procedura telematica. I contribuenti che vogliono fruire di questo canale, hanno tempo fino al prossimo 10 maggio.

Nella legge di Stabilità 2015 il Governo Renzi ha previsto un cambiamento che può essere definito storico, modificando le modalità di pagamento del Canone Rai con inserimento nella bolletta energetica elettrica. Una variazione che ha portato alcuni vantaggi per i contribuenti che si sono visti diminuire l’importo dai precedenti 113 euro agli attuali 100, ma anche una serie di disagi dovuti principalmente ad una mancanza di chiarezza in merito. Tuttavia, finalmente all’orizzonte sembra esserci una decisa schiarita grazie al decreto attuativo che il Governo ha completato in queste ore. Infatti, il testo del decreto ministeriale è stato trasmesso al Consiglio di Stato. Nel decreto sono inseriti anche alcuni obblighi da parte delle imprese elettriche tra cui quella di inviare entro il mese di ottobre di ogni anno i dati relativi ai contratti elettrici con eventuali variazioni allo scopo di capire chi debba pagare il canone. Non resta che attendere per conoscere nel merito tutte le norme introdotte nel decreto.

© Riproduzione Riservata.