BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA E POLITICA/ Cirino Pomicino: le bugie del Governo su debito e tasse

Pier Carlo Padoan (Infophoto)Pier Carlo Padoan (Infophoto)

Non le potranno trovare se non facendo ulteriori debiti. Il dato impressionante è che anche la pur lieve riduzione del rapporto debito/Pil prevista dal governo perde di significato dal momento che in valore assoluto il debito continua a crescere. È vero che la sostenibilità del debito dipende dal rapporto debito/Pil. Ma se il debito in termini assoluti continua a crescere all’infinito la sostenibilità sarà solo formale.

 

Che cosa la preoccupa di più?

A preoccupare è il fatto che al governo manchi una visione di medio termine. Tutti si interessano di quanti soldi arriveranno dalle privatizzazioni nei prossimi 12 mesi, e se cresceremo dell’1 o dell’1,2%.

 

Che cosa si aspetta nel medio termine per l’economia italiana?

Nell’arco di due anni i tassi ricominceranno a salire e l’Italia subirà una botta non indifferente. Nessuno si rende conto però che continuando ad aumentare il debito e continuando a rimanere con una crescita bassa, noi nei prossimi tre o quattro anni andremo incontro a un disastro. Purtroppo però il dibattito politico vive soltanto alla giornata. Nessuno ha un minimo di visione, né ragiona in termini conseguenti. Si assiste impotenti alla crescita delle disuguaglianze sociali, che prima o poi faranno esplodere movimenti politici drammatici. La miscela composta da maggiore debito, minore crescita e maggiori disuguaglianze è esplosiva e di qui a qualche anno metterà in ginocchio il Paese.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.