BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Canone Rai 2016 in bolletta/ Oggi 21 aprile. Condono di vecchie pendenze (ultime notizie e news)

Canone Rai 2016 in bolletta, le news riguardanti la novità sull'imposta relativa alla tv nel conto elettrico, insieme alle ultime notizie circa l'azienda televisiva pubblica

Infophoto Infophoto

In questi giorni di attesa per la revisione del testo del decreto attuativo per il Canone Rai, si stanno delineando sempre di più alcuni aspetti non proprio chiari. Tra le questioni che interessano di più gli italiani c’è senza dubbio quello della prescrizione delle vecchie cartelle inerenti al Canone Rai. Seconda la normativa vigente, il canone Rai si considera prescritto dopo 10 anni a partire dalla fine del mese di gennaio dell’anno in cui esso sarebbe dovuto essere corrisposto. Tenendo presente come nell’ambito della Legge di Stabilità era stata prevista una mini sanatoria per pendenze entro i 300 euro, è importante evidenziare che l’estinzione del debito avverrà in maniera del tutto automatica.

Antonio Campo Dall’Orto ammette che il canone Rai bisogna meritarselo. Intervistato da Il Sole 24 ore, il Direttore generale di viale Mazzini dice “Non c’è dubbio. Bisogna meritarsi il canone” in risposta alla domanda su quale sia la sfida più importante per la Rai. Campo Dall’Orto ha anche spiegato che nei conti dell’azienda pubblica sono state inserite le risorse incrementali del canone, prevedendo un tasso di morosità dell’8%, rispetto all’attuale 27%. Inoltre ha specificato che per il 2015 si dovrebbe registrare una perdita intorno ai 20 milioni di euro ha anche ricordato che il servizio pubblico non deve rincorrere a tutti i costi l’audience e deve pensare a un’offerta complementare rispetto alla tv commerciale.

Continua a far discutere il Canone Rai 2016 in bolletta. Il Presidente della Commissione vigilanza Rai, Roberto Fico, è stato protagonista dell’intervista di Giovanni Floris a diMartedì. Tra i temi affrontati anche quello appunto dell’imposta sulla tv, dopo la “bocciatura” del Consiglio di Stato. Per il parlamentare del Movimento 5 Stelle si tratta dell’ennesima dimostrazione del modo di fare del Governo, che ha definito “superficiale e pressapochista”. Fico ha sottolineato in particolare che il Consiglio di Stato ha messo in evidenza che mancano dei passaggi formali importanti, come il parere del ministero dell’Economia e delle Finanze. Cosa che potrebbe anche consentire a un singolo cittadino di impugnare il pagamento del canone per illegittimità. Il Presidente della Commissione Vigilanza Rai ha quindi stigmatizzato il modo di fare del Governo, che mette la comunicazione davanti alla politica, costringendo quindi i provvedimenti a “rincorrere” gli annunci del Premier.

© Riproduzione Riservata.