BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

730 precompilato online/ Quelle "finte" novità che portano gli italiani a Caf e commercialisti (oggi, 5 aprile 2016)

Pubblicazione:martedì 5 aprile 2016 - Ultimo aggiornamento:martedì 5 aprile 2016, 20.23

Fotolia Fotolia

Oltre a ciò è giunto il tempo di stare molto attenti per non entrare nell'inevitabile "morsa" degli accertamenti, alle specifiche disposizioni impartite ultimamente dell'Agenzia, riguardanti l'inserimento delle spese di ristrutturazione e di adeguamenti degli immobili; prima di tutto si parla di fatture emesse dai vari operatori edili per ristrutturazioni e migliorie e non di ampliamento degli appartamenti; in secondo luogo, non tutte le somme sono detraibili in quanto la natura della spesa deve comprendere obbligatoriamente interventi murari o impiantistici. 

Per essere più chiari, facciamo un esempio: sostituendo un sanitario nel bagno che comporta il solo collegamento degli attacchi di carico e scarico dell'acqua, la fattura d'acquisto dello stesso e indetraibile in quanto non necessita di opere edilizie. Nelle varie televisioni si fa tanta rèclame delle moderne vasche da bagno o docce che vengono installate in poco tempo e senza spaccare muri o sostituire tubi interni agli stessi o al massimo, si sostituiscono soltanto alcune mattonelle; per invogliare lo spettatore all'acquisto, pubblicizzano che il denaro speso è decurtabile dalle tasse: questo è assolutamente falso, in quanto l'Ufficio non permette la detrazione nel quadro "e" del 730, per le ragioni dette prima. Altresì per quanto concerne gli oneri relativi alle opere di adeguamento energetico degli edifici, è determinante per accedere alla detrazione, la relazione del progettista inviata come "inizio lavori" per conoscenza all'Enea. Oltre a ciò, sempre a riguardo dei recenti chiarimenti dettati dal Ministero sull'argomento, è utile sapere che l'introduzione sulla dichiarazione dei costi sull'acquisto di mobili ed elettrodomestici per casa, fino a un massimo di 10.000 euro, è possibile soltanto se tali elementi fanno parte di una ristrutturazione completa delle varie stanze dell'alloggio. 

In ultima analisi, almeno per l'anno corrente, risulta rimasto tutto identico e di fatto, è pressoché inutile aggrovigliarsi nelle spire del sito dell'Agenzia delle Entrate per scaricare il precompilato, tanto capiterà molto raramente che tale modello sia esatto e completo e quindi restituibile così com'è: pertanto è consigliabile affidarsi a un Caf o a uno studio professionale competente, come d'altra parte si è sempre fatto. 

Concludendo, ricordiamo ancora, per l'ennesima volta, che le detrazioni e deduzioni sulla denuncia dei redditi concesse dal Fisco sono sì delle agevolazioni per i contribuenti, ma soprattutto sono accorgimenti pensati dall'Erario al fine di evitare il più sistematicamente possibile le evasioni e la piaga del "nero" e anche la novità del precompilato è soltanto un tentativo di far funzionare meglio la macchina per il controllo dei redditi effettivi e del patrimonio - a quest'ultimo ci pensa specificatamente il nuovo Isee - dei contribuenti italiani a reddito fisso. Insomma chi risulta come al solito più tartassato è il contribuente super sorvegliato, cioè il lavoratore dipendente o affine, perché soggetto d'imposta alla fonte; altresì si constata inesorabilmente, che la vera lotta all'evasione fiscale che dovrebbe riguardare le altre categorie, lavoratori autonomi, professionisti e via dicendo, non riesce completamente a decollare, anzi è sempre e inesorabilmente ferma al palo. Sembra che i nostri governanti abbiamo quasi paura ad andare a intaccare gli interessi dei poteri forti rappresentati, a volte disgraziatamente, da individui disonesti, da imprenditori da strapazzo e finanzieri corrotti. Come citava il titolo di un film di guerra degli anni Settanta "Niente di nuovo sul fronte occidentale". 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
08/04/2016 - Mod. 730 (GIUSEPPE MINEO)

Condivido le osservazioni di Lagravinese. Con la difficoltà introdotta quest'anno è stata vanificata la possibilità di compilare on-line il mod. 730, non potendo più modificare personalmente i dati inseriti dall'Agenzia delle Entrate. E' stato un bel sogno.