BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E POLITICA/ "Fate presto" a salvare le banche italiane (ma Renzi è "unfit")

Pubblicazione:

Il governatore Bankitalia, Ignazio Visco (Infophoto)  Il governatore Bankitalia, Ignazio Visco (Infophoto)

Una nuova giornata di tregenda per le banche italiane in Borsa, con lo spread che s'innervosisce fino a quota 130, offre l'occasione sicura per rispolverare il titolo cubitale con cui il Sole 24 Ore incoraggiò nel novembre 2011 la conclusione del "minigolpe" europeo contro Silvio Bedrlusconi e il commissariamento tecnocratico del Paese con Mario Monti.

Allora cacciare un premier ormai totalmente unfit a governare un Paese allo sbando e sotto pesante attacco politico-speculativo servì a far scendere la febbre-spread da quota 575. A rigore anche nell'aprile 2016 andrebbe opportunamente verificato se il problema ultimo non sia un governo che - nell'ultimo semestre - non ha indovinato una mossa sullo scacchiere bancario, aggravando con la propria inadeguatezza la situazione della più importante infrastruttura del sistema-Paese. Che differenza c'è, alla fine, fra il volo dello spread nell'estate 2011 e il crollo - ad esempio - del Banco Popolare (un terzo) e di Bpm al listino dopo il progetto di fusione annunciato quasi per decreto dal governo contro i dubbi della Bce?

Anche ieri è stata una giornata di frustrante paralisi, a due giorni dall'ennesimo super-vertice di Palazzo Chigi: le cui conclusioni - secondo fonti citate dalla Reuters - dovrebbe partorire soluzioni operative entro lunedì. Ma giovedì sera tutto sembra ancora in alto mare o quasi. Continua a non essere chiaro quale struttura avrà il veicolo salva-banche, quali soci, quanti capitali a disposizione, quale strategia: acquistare sofferenza bancarie o sottoscrivere nuove azioni di banche da ricapitalizzare? Quante, come, con quali priorità? Con che ruolo per il Tesoro e la Cassa depositi e prestiti, sempre osservata speciale delle autorità europee? Con quale regia per la Banca d'Italia di Ignazio Visco?

E a proposito dell'interfaccia Italia-Bce, i segnali giunti ieri sono stati ben poco incoraggianti. L'aumento di capitale da 1,75 miliardi messo in cantiere dalla Popolare di Vicenza - il dossier italiano più urgente - ha ottenuto 10 giorni di proroga dalla Bce. Un'apertura minima, segno che alla vigilanza di Francoforte - affidata alla francese Danièle Nouy - la pazienza è ormai ridotta con le banche italiane: soprattutto dopo la forzatura del governo italiano sul piano Banco-Bpm. Negli intenti la notizia avrebbe forse dovuto allentare la pressione della Borsa su UniCredit, la banca chiamata a garantire l'aumento della Vicenza, in agenda formalmente entro il 30 aprile. Invece la non-gestione sia della situazione che della comunicazione hanno fatto acceso ancora più i fari su una realtà sempre più preoccupante: l'aumento della Vicenza sta incontrando difficoltà superiori al previsto (anche per l'annuncio dell'aumento del Banco Popolare, provocato dalla forzatura del governo sulla fusione Bpm) e UniCredit ha valutato negli ultimi giorni la possibilità di sganciarsi dalla garanzia per non appesantire il suo bilancio.

Il risultato è quindi che i mercati stanno punendo la prima banca italiana, stanno lesinando o disdettando le prenotazioni per l'aumento Vicenza, stanno mettendo in seria discussione il piano Banco-Bpm, stanno perdendo la pazienza per un governo italiano ormai al panico e al massimo dell'inefficienza nella gestione della crisi creditizia.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
08/04/2016 - Questo è il renzismo (Carlo Cerofolini)

Questo è il renzismo bellezza, ovvero dilettanti allo sbaraglio. O no?