BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA/ Oggi 11 maggio ultime notizie e news live: quando chi è in affitto deve pagare con il modulo F24

Canone Rai 2016 in bolletta, ultime notizie e news live: ecco cosa fare se in passato si è richiesto il suggellamento di un apparecchio tv (Ultime notizie e News live 11 maggio).

InfoPhoto InfoPhoto

Si avvicina l’arrivo del canone Rai 2016 in bolletta per moltissimi italiani, ma c’è chi dovrà armarsi di F24 per adempiere il suo “dovere” fiscale. Non solo gli esercenti che devono versare il canone speciale, ma anche coloro che si trovano in affitto e non hanno un’utenza elettrica intestata. Sempre che nell’appartamento in questione ci sia un televisore. Dunque, se la bolletta risulta essere a nome del proprietario, questi potrà usare la dichiarazione sostitutiva per evitare di pagare l’imposta versata magari già dal suo coniuge nell’appartamento dove risiede. Ciò non toglie però che l’inquilino debba versare il canone, attraverso però un modello F24, dato che è impossibilitato a farlo con la bolletta elettrica.

Come ormai è universalmente noto, da questo 2016 sono cambiate diversi aspetti per quanto concerne il canone Rai. È stato introdotto il principio di presunzione di detenzione che in pratica obbliga ogni anno i cittadini non in possesso di apparecchi tv ad inviare un apposito modulo di esenzione dal canone Rai, è stato abbassato l’importo dai precedenti 113 euro agli attuali 100 e soprattutto è stato collegato il canone Rai all’utenza energetica elettrica. Il tutto è stato regolamentato per mezzo di un apposito decreto attuativo. In attesa di conoscere nello specifico i termini di pagamento (al momento non è ancora certo che la prima rata possa effettivamente essere quella di luglio) ci sono alcuni casi particolari che l’Agenzia delle Entrate sta chiarendo poco alla volta. Ad esempio cosa succede se un cittadino in passato ha richiesto il suggellamento di un apparecchio televisivo? Egli è esonerato dal pagamento del canone Rai oppure deve provvedere ad inviare il modulo di autocertificazione nel caso non abbia altri apparecchi in casa? Sul sito dell’Agenzia delle Entrate viene sottolineato come non si é esonerati dalla dichiarazione di non detenzione: “qualora non si sia nel frattempo venuti in possesso di apparecchi ulteriori rispetto a quelli per i quali fu richiesto il suggellamento, va compilata l’apposita sezione del Quadro A del modello di dichiarazione sostitutiva”.

© Riproduzione Riservata.