BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Canone Rai 2016 in bolletta/ Oggi 13 maggio, ultime notizie e news. Alla Cna di Roma assistenza gratuita per chi non deve pagarlo

Pubblicazione:venerdì 13 maggio 2016 - Ultimo aggiornamento:venerdì 13 maggio 2016, 13.05

Rai Rai

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, NOVITÀ NEWS E ULTIME NOTIZIE. ALLA CNA DI ROMA ASSISTENZA GRATUITA PER CHI NON DEVE PAGARLO (OGGI, 13 MAGGIO) Si avvicina il 16 maggio, termine ultimo per la presentazione della dichiarazione sostitutiva per non pagare il canone Rai in bolletta o per vederselo addebitare una sola volta nel caso si abbia più di una casa con contratto di fornitura residenziale. Per questo la Cna di Roma ha deciso di mettere a disposizione di cittadini e imprese un servizio gratuito di assistenza per chi non è tenuto all’addebito in bolletta. “C’è tempo fino al prossimo 16 maggio per evitare l’addebito in caso non si posseggano apparecchi. Nessun termine per la comunicazione della bolletta intestata al familiare”, ricorda il sito della Cna di Roma, che offre anche la possibilità di fissare un appuntamento on line.

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, NOVITÀ NEWS E ULTIME NOTIZIE. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA, L’UNC CHIEDE IL RINVIO DELLA SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE (OGGI, 13 MAGGIO) Lunedì 16 maggio è il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione sostitutiva utile per non pagare il canone Rai 2016 in bolletta. L’Unione nazionale consumatori chiede però che tale scadenza sia rinviata, visto che “i consumatori non sono ancora stati correttamente informati sull'autocertificazione da presentare all'Agenzia delle entrate. Non è stato ancora nemmeno pubblicato il decreto Mise che stabilisce i presupposti per la dichiarazione, ossia la definizione di cliente elettrico residente”. 

Massimiliano Dona, Segretario dell’Unc, sottolinea inoltre che sono stati “violati i diritti del contribuente, che avrebbe diritto a 60 giorni dall'entrata in vigore di tutti i provvedimenti di attuazione per presentare la dichiarazione”. Ma ancora manca appunto il decreto del Mise. Per questo bisognerebbe appunto spostare la scadenza del 16 maggio.



© Riproduzione Riservata.