BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPY FINANZA/ Italia, il "disastro" coperto dalla promozione dell'Ue

Pier Carlo Padoan (Infophoto) Pier Carlo Padoan (Infophoto)

Complimentoni al governo, per salvare papà Boschi e i suoi sodali ha fatto crollare il pilastro del mondo creditizio, ovvero proprio la fiducia dei risparmiatori: e adesso che anche un gigante come Unicredit finisce nel titolo di apertura de La Stampa di ieri per i suoi guai, quali rischi di contagio corre questo Paese? Ho detto La Stampa, non il Fatto quotidiano: e quando i giornali establishment trattano con tanto clamore un tema, le spiegazioni sono solo due: o si vuole accelerare l’addio di Ghizzoni per ragioni politiche o la situazione è ormai talmente seria da non poter essere più taciuta, quindi meglio essere i primi a raccontarla.

Non sarà che la generosità dell’Europa verso Renzi si sostanzi nell’ultimo atto di pietà verso un condannato a morte, la famosa ultima cena con menù a richiesta di cui si gode nel braccio della morte? Tanto più che proprio l’altro giorno abbiamo scoperto che George Soros ha incrementato le sue scommesse contro l’indice S&P 500 nel primo trimestre, possedendo oggi 2,1 milioni di opzioni put sotto forma di Etf che seguono l’andamento dell’indice benchmark di Wall Street. Il fondo di Soros ha quindi ridotto del 37% la sua esposizione all’azionario Usa, mentre ha acquistato opzioni call su 1,05 milioni di titoli Spdr Gold Trust, un Etf che riproduce il prezzo dell’oro. Soros punta sull’oro perché è convinto che un atterraggio duro della Cina sia «praticamente inevitabile», provocando un aumento delle pressioni deflazionistiche e il conseguente ribasso delle Borse e rialzo dei prezzi dei titoli di Stato Usa.

Sta arrivando il botto e il nostro Paese si presenta all’appuntamento con debito alle stelle e banche a pezzi: auguroni, ora godete pure per la flessibilità accordataci da Bruxelles. La quale, giova dirlo chiaro, è figlia unicamente dell’atteggiamento lassista e da un tanto al chilo con cui l’Ue sta cercando di blandire i cittadini britannici per evitare la Brexit: se il 24 giugno il pericolo di uscita sarà stato scongiurato, tornerà a piena forza il rigore di stampo tedesco. E i giochetti di Renzi e Padoan si scioglieranno come neve al sole. Insieme alla credibilità residua di questo Paese. 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/05/2016 - Occorre produrre ricchezza "in assoluto"! (Silvano Rucci)

Quando questo Paese Italia avrà una Economia solida ed autonoma, tanto da poter dire che il suo Popolo ha compreso il disastro e reagisce? A mio avviso il "motore" che traina un Paese è la produttività del proprio lavoro! Se il nostro Governo non promuove una Economia che produca ricchezza "in assoluto", attraverso il lavoro collettivo, la luce in fondo al tunnel resta solo un miraggio!