BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

RIPRESA?/ Italia, da grande Paese a piccola boutique

InfophotoInfophoto

La curva di Beveridge prevede che l’occupazione aumenti semplicemente liberalizzando il mercato del lavoro. Chiunque abbia lavorato sa che anche prima dell’introduzione del Jobs Act nei fatti la mobilità del lavoro era altissima. Il Jobs Act ha definitivamente spazzato via qualunque alibi si potesse frapporre. Dopo la riforma ci si poteva attendere una spinta poderosa alla crescita. Ciò non è avvenuto, e questo dovrebbe far riflettere sulla possibilità che il Jobs Act abbia peggiorato la situazione anziché migliorarla. Anche ammesso che non l’abbia peggiorata, è evidente che ci sono altri problemi.

 

Quali?

Uno di questi è il fatto che l’Italia è un Paese vecchio che non riesce a valorizzare i suoi giovani. Non a caso molti emigrano all’estero, anche se non è detto che siano i migliori. Ma anche i “migliori” che rimangono in Italia non se la passano bene. Siamo comunque un Paese che sta scontando un’enormità di errori commessi in passato, che hanno creato una situazione demografica squilibrata. Questo stesso squilibrio riguarda anche Germania e Giappone.

 

Con quali conseguenze?

In Germania ci sono 4 milioni di persone in meno tra i 20 e i 39 anni e altrettanti mancano in Italia: sono 10 milioni di iPhone venduti in meno dalla Apple. Mi domando come si possa immaginare di crescere in una situazione del genere. La Germania continua a registrare il segno positivo grazie alle esportazioni perché ha i prodotti giusti che sono ambiti nei mercati asiatici. L’Italia con il suo tessuto di piccole e medie imprese può rientrare nella catena produttiva della Germania, ma non andare così massicciamente sui mercati come fanno i tedeschi.

 

Che cosa si aspetta per il futuro dell’Italia?

A oggi dal punto di vista dimensionale l’Italia è ancora un grande Paese, entro cinque-dieci anni nella migliore delle ipotesi diventeremo una boutique. In una boutique si va per acquistare prodotti di elevata qualità con brand di grande prestigio, anche se è un negozio di piccole dimensioni. L’Italia a poco a poco sta diventando un piccolo Paese. Se siamo bravi non ci impoveriremo, ma diventeremo pur sempre più piccoli.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
02/05/2016 - Ripresa (delfini paolo)

E' quello che al fondo vogliono le classi dominanti nordeuropee ed americane,cioè che l'Italia diventi come una immensa Rimini senza alcuna voce in capitolo.