BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA E POLITICA/ Il piano che rende l'Italia più povera

InfophotoInfophoto

Non posso fare a meno di ricordare che non abbiamo più un’industria nazionale dell’auto, e questo fa la differenza. La Fiat se ne è andata dall’Italia dopo avere assorbito dalla comunità una quantità enorme di risorse. Se si aggiunge il fatto che oggi le belle aziende italiane sono a buon mercato, il piano di privatizzazione mi fa un po’ paura. Si darà qualche soldo allo Stato, ma le aziende che producono per la domanda interna diventano straniere. L’Italia quindi ne beneficerà soltanto in minima parte. Quello che non condivido è la logica in base a cui se ci comprano gli altri va sempre bene, mentre se noi andiamo all’estero a comprare qualche azienda non va più così bene.

 

Che cosa ne pensa dell’invito del Fmi a “rafforzare la capacità delle banche a sostenere la ripresa”?

C’è un non detto che mi preoccupa. Non vorrei che si alludesse alla possibilità di pignorare la casa a chi non paga una rata del mutuo. Questa è un’ipotesi che è stata ventilata più volte: non credo che ciò rafforzerebbe il mercato immobiliare in Italia. Anche perché quello di gestire gli immobili non è il mestiere delle banche.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
25/05/2016 - Fmi e Italia (delfini paolo)

Il fmi vuole ulteriori privatizzazioni di imprese Italiane, non certo per dare impulsi all'economia Italiana, ma per altri motivi che ormai anche i sassi hanno compreso.