BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Canone Rai 2016 in bolletta/ News oggi 31 maggio, ultime notizie: oltre Edison, nuove promozioni in arrivo dalle aziende elettriche

Canone Rai 2016 in bolletta, ultime notizie: ecco quello che succede per unioni civili e convivenze. Oggi decreto attuativo su Gazzetta Ufficiale (Ultime notizie e News live 31 maggio).

InfoPhoto InfoPhoto

Sembrano essere in arrivo rimborsi e sconti per il canone Rai in bolletta da parte delle aziende elettriche per cercare così di aumentare la propria clientela. Secondo quanto riporta Italia Oggi, oltre a Edison anche Enel, Eni e le società Ascopiave sono pronte a partire con delle promozioni per far sentire meno il peso dell’imposta sulla tv nel conto elettrico ai propri clienti. Non sembrano invece al momento intenzionate a mettere in campo iniziative di questo tipo A2A, Sorgenia e Acea. Staremo a vedere mano mano in cosa consisteranno le promozioni.

Le riforme volute ed introdotte dal Governo Renzi nell’ultima legge di stabilità in materia di canone tv Rai stanno per diventare legge. Infatti, quest’oggi il decreto attuativo che regola in maniera esaustiva tutte le novità come il pagamento con inserimento nella bolletta dovuta per l’energia elettrica e soprattutto il principio di presunta detenzione dell’apparecchio televisivo, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il che significa che nelle prossime ore entra automaticamente in vigore. Tante le questioni affrontate nel decreto al fine di rende maggiormente chiaro il cambiamento. Ad esempio per quanto concerne il tema della unioni civili e delle convivenza, stando al comma 153 della Legge di Stabilità il canone Rai deve essere dovuto “una sola volta in relazione agli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica”. In parole povere le unioni civili e le convivenze di fatto comportano tecnicamente la formazione di una famiglia anagrafica per cui si è tenuti a pagare un solo canone ovviamente nel caso in cui nell’immobile è presente almeno un apparecchio altrimenti si è esonerati presentando l’ormai noto modello di autodichiarazione.

© Riproduzione Riservata.