BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Quella verità sull'Italia "nascosta" dai media

InfophotoInfophoto

Questo è l'obiettivo della propaganda: zittire ogni dissenso perché altrimenti vai a finire peggio. In altre parole, devi guardare al peggio che ti potrebbe capitare, non al meglio che potresti ottenere. Quindi tutto il lavoro della propaganda di regime è nel riproporre le condizioni di chi sta peggio di noi, soprattutto se vicino di casa.

Ovviamente c'è anche un altro lavoro da fare per la propaganda di regime. Ed è quello di nascondere tutte le informazioni e i ragionamenti che possono minare questo quadro, questo ragionamento. Quindi nessuna notizia, sul fatto rilevato da Eurostat del maggior numero di poveri presenti in Italia rispetto a ogni altro Paese europeo. Altrimenti potresti pensare che l'azione del governo attuale è stata completamente fallimentare. E nessuna notizia vi sarà sul clamoroso successo del Partito della libertà, formazione di destra austriaca che si prepara ad andare al ballottaggio per le presidenziali con un grande vantaggio sui verdi, mentre popolari e socialisti hanno subito una cocente sconfitta. E questo porta a considerare che le recinzioni al confine tra Austria e Italia sono ben più solide di quanto possano apparire, perché sono recinzioni culturali e politiche. E il giorno che un esponente di destra arriverà al potere in Austria, farà mediaticamente la fine di Orban, il premier ungherese presentato con appellativi come "fascista" o il sempre riciclabile (come insulto che non richiede dimostrazioni) "populista".

Ma allora dobbiamo essere pessimisti? Dobbiamo disperare sulle sorti dell'Italia? Niente affatto. Come già osservato numerose volte, l'ambiente (politico, culturale, economico, ecc.) in cui ci troviamo è di tipo frattale, cioè i fatti imprevisti possono accadere molto rapidamente e possono improvvisamente capovolgere le sorti di una situazione difficile. I poteri forti hanno reso frattale l'ambiente (politico e socioeconomico) proprio per intrappolarci e per impoverirci, ma nella loro ignoranza quello che hanno creato è instabile e ingestibile. Al momento opportuno dovremo approfittarne. E il momento opportuno potrebbe essere il referendum costituzionale sul quale Renzi ha puntato tutto. Certo, anche in questo caso i media ufficiali faranno la loro parte. Ma oggi una grossa parte di informazione gira pure su internet. E su internet la diffusione può essere virale. E su internet l'informazione non è gestibile. 

Inoltre, c'è ancora un popolo cattolico in Italia che oggi non ha rappresentanza politica. Un popolo che prima o poi cercherà una casa, una sistemazione seppure provvisoria. E farà la sua scelta, cercando l'affermazione di quei valori e quei principi che considera non negoziabili. La sfida di chi vuole davvero abbattere il regime attuale sarà quella di ricercare questi principi e di renderli parte dei motivi per un cambiamento. Sarà una sfida interessante.

© Riproduzione Riservata.