BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Canone Rai 2016/ Le bollette andranno conservate per dieci anni (ultime notizie e news 7 maggio)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Sede Rai  Sede Rai

CANONE RAI 2016, LE BOLLETTE ANDRANNO CONSERVATE PER DIECI ANNI (OGGI, 7 MAGGIO) Il canone Rai 2016 in bolletta porterà con sé una novità poco considerata finora, ma di cui si sta parlando in rete nelle ultime ore. Infatti, bisognerà conservare le fatture dell’utenza elettrica per 10 anni, contro gli attuali 5. Questo perché la prova del pagamento dell’imposta sulla tv deve essere conservata per dieci anni appunto, cinque in più rispetto a quelli richiesti per la sola bolletta elettrica. Che però da luglio incorporerà anche il canone Rai. Gli italiani dovranno quindi prepararsi ad aumentare lo spazio nei loro archivi, cartacei o digitali che siano. 

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA, LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ANCHE CON POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (OGGI, 7 MAGGIO) – Si va definendo sempre di più la questione del Canone Rai soprattutto grazie al decreto attuativo varato dal Governo ed approvato nei giorni scorsi dal Consiglio di Stato, grazie al quale sono state regolamentate una serie di questioni ed in particolar modo quelle relative ai casi in cui si può chiedere l’esonero dal pagamento. In buona sostanza, i cittadini sono esonerati dal pagamento del canone nel caso in cui all’interno dell’abitazione dove è presente l’utenza energetica, non ci siano apparecchi tv che permettono la ricezione del segnale digitale televisivo. Qualora ci si trova in questa situazione, allora è necessario inviare entro il 16 maggio all’Agenzia delle Entrate il modulo di dichiarazione sostitutiva. Novità delle ultime ore sempre riguardo il canone Rai è che il modulo può essere inviato anche per mezzo di posta elettronica certificata (pec): “è possibile trasmettere la dichiarazione sostitutiva tramite posta elettronica certificata, purché la dichiarazione stessa sia sottoscritta mediante firma digitale, coerentemente con quanto previsto dagli articoli 48 e 65 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'Amministrazione Digitale). La dichiarazione firmata digitalmente dovrà essere inviata mediante PEC all'indirizzo: cp22.sat@postacertificata.rai.it”



© Riproduzione Riservata.