BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPILLO/ Microsoft si "pappa" LinkedIn e la logica del gratis

Microsoft ha annunciato l’acquisizione di LinkedIn, il social network dei professionisti, per una cifra di 26 miliardi di dollari. Il commento di SERGIO LUCIANO

InfophotoInfophoto

Il mondo dei social diventa un po’ meno “soft” e più “hard”. Il senso della maxi-acquisizione di Linkedin da parte di Microsoft è forse anche questo. Il leader mondiale del software non è un campione del web. Rende possibile la gran parte delle relazioni web con i suoi sistemi operativi che sono quasi monopolisti, ma vende soluzioni brevettate, soggette a copyright, e non gli è mai interessato più di tanto vivere di contatti fugaci e numerosissimi, come fanno Google o Facebook. Preferisce avere clienti paganti.

Microsoft compra, con Linkedin - osserva Andrea Granelli, fondatore di Tin.it e vero “pioniere” italiano del web, di cui è tuttora tra i più acuti analisti - “una piattaforma chiave per offrire servizi di smart-working alle aziende o anche ai privati in una logica specialistica, professionale, da business to business”.

E in effetti, Linkedin è noto, in tutto il mondo, come il social network dei professionisti, che ha disintermediato molti portali di ricerche di personale qualificato creando al proprio interno delle comunità numerosissime di colleghi, o comunque di esperti settoriali, che sul social cercano nuove opportunità di lavoro, da fare o da dare, ma si scambiano anche esperienze e competenze.

Poi, per carità: Linkedin è comunque un social network, raccoglie continuamente un’enorme mole di dati sui suoi utenti, e questi dati sono preziosi a chi possa adoperarli, ma non tanto per bombardare i malcapitati con pubblicità più o meno inutili, come stanno finendo goffamente col fare gli altri social, Facebook compreso, ottenendo peraltro risultati sempre più magri, ma per meglio orientare l’offerta di servizi reali. Quindi a pagamento.

È così che fa Microsoft: vende in tutto il mondo, quasi sempre “bundled” (cioè indissolubilmente abbinati ai computer) i suoi sistemi operativi monopolisti nel mondo, con l’unico rivale della Apple; vende il pacchetto Office; vende i servizi a valore aggiunto di Skype, vende il sistema di gestione aziendale integrale che si chiama Dynamics: altro che spottini, e video e banner. Quelli pure li vende, sul portale Msn, che però non è mai stato leader e, con molta evidenza, difficilmente lo diventerà.

Una bella mossa, non c’è che dire: anche se è presto per stabilire se l’acquisizione valga o meno i 26 miliardi di dollari sborsati, che valorizzano le azioni di Linkedin a un prezzo doppio di quello trattato in Borsa oggi. Linkedin è comunque a oggi la singola acquisizione più grande del gruppo fondato da Bill Gates. E che il colosso di Redmond ci creda è dimostrato anche dalla considerazione del momento particolare in cui l’acquisizione è avvenuta: Linkedin, nonostante i suoi 400 milioni di utenti, ha avuto un mediocre 2015, e l’ultimo trimestre si è chiuso con una piccola perdita, 8,4 milioni di dollari, nonostante la crescita dei ricavi a quota 2,99 miliardi.