BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA E POLITICA/ Campiglio: Germania via dall'euro per salvare l'Ue

In questi giorni che precedono il referendum sulla Brexit, gli occhi del mondo sono puntati sulla Gran Bretagna. Ma l'Europa come sta? Risponde LUIGI CAMPIGLIO

Infophoto Infophoto

In questi giorni che precedono il referendum sulla Brexit, gli occhi del mondo sono puntati sulla Gran Bretagna per capire quale decisione prenderanno i cittadini nel segreto delle urne il 23 giugno. Se però spostiamo lo sguardo su questo lato della Manica, verso l'Europa, che panorama possiamo vedere? «A Bruxelles prevalgono ancora i rapporti di forza ed è la Germania a determinare la dinamica generale», ci dice Luigi Campiglio, Professore di Politica economica all'Università Cattolica di Milano.

 

E qual è la situazione?

La situazione continua a rimanere di sostanziale squilibrio, di crescita lenta, nonostante si stiano facendo grandissimi sforzi per tornare alla "normalità", cioè alla situazione economica di 10 anni fa. Ne abbiamo la prova con la Bce, che ha messo in campo strumenti "non convenzionali". È una situazione obiettivamente fragile. Il che significa che qualche grosso problema potrebbe materializzarsi in modo inatteso. 

 

Come appunto la Brexit…

Si immaginava che nei giorni precedenti il voto ci sarebbe stato un impatto negativo, ma non come quello che si sta registrando in questi giorni. È un momento che economicamente di per sé non è così dirompente, però stiamo vedendo che in queste circostanze lo è. Non vorrei che diventasse un "pretesto", un'occasione nel corso della quale cambiare indirizzo.

 

In che senso Professore?

Abbiamo ormai previsioni di crescita economica che vengono gradualmente sempre riviste al ribasso, cresce la disuguaglianza, non funziona più l'ascensore sociale, una parte di Europa, Italia compresa, è caduta in una vera e propria "trappola della povertà". L'insuccesso economico, il timore crescente del deterioramento del proprio tenore di vita sono alla radice di tutti gli sconvolgimenti politici negli Usa e in Europa, con l'avanzata dei cosiddetti populismi.

 

Dove può portare questa situazione?

I fattori di potenziale squilibrio e instabilità in Europa sono evidenti, basta guardarli. Per esempio, in Germania dal 1994 i giovani tra i 20 e i 39 anni sono diminuiti di 6 milioni di unità, in Italia di 4 milioni. È una situazione strutturalmente malata. C'è una situazione caratterizzata da forte squilibri, così non possiamo andare avanti. Le opzioni per il cambiamento sono tante. È possibile che in passato siano state fatte operazione di inclusione troppo in fretta e malamente, ma continuo a ritenere che il progetto europeo non debba essere abbandonato. 

 

Se il progetto non deve essere abbandonato, quanto meno dovranno esserci importanti cambiamenti.

Nell'Eurozona in questi anni, specialmente per i paesi del Sud, la politica fondamentale è stata quella della svalutazione interna, che ha significato congelare i redditi da lavoro, con alcune funzioni e servizi dello Stato arretrati in maniera forte, tale da provocare danni. La svalutazione interna, l'austerità non funzionano. Dobbiamo quindi aumentare i salari, non diminuirli: ci vuole una politica di netti miglioramenti salariali. L'Eurozona va allentata: senza traumi, ma i "bulloni" con cui i paesi dell'Eurozona si sono "inchiodati", vanno allentati. 

 

In che modo concretamente si potrebbe fare?